torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
installazione site-specific

allo store Natuzzi Italia di Miami


In occasione dell’opening dello store Natuzzi Italia a Miami, inaugurazione dell’installazione site-specific di Adrien Missika a cura di Myriam Ben Salah
Opening su invito: mercoledì 2 dicembre 2015, ore 20.00 – 23.00 Natuzzi Italia Store | 3818 N. Miami Ave

Natuzzi Italia, marchio di eccellenza del design Made in Italy, presenta per la prima volta negli Stati Uniti, durante la Miami Art Week, il progetto Open Art, nato nel 2007 con l’obiettivo di portare l’arte nei negozi Natuzzi e renderla accessibile, “open”, a tutti. Il progetto prevede la collaborazione con artisti contemporanei di diversa formazione a cui viene chiesto di realizzare opere d’arte site-specific da far vivere all’interno dei più prestigiosi flagship store Natuzzi presenti nel mondo.

In occasione del grand opening del flagship store Natuzzi a Miami, mercoledì 2 dicembre 2015, sarà presentata l’installazione site-specific dell’artista Adrien Missika (Parigi, 1981) frutto di un’immersione nell’Headquarter Natuzzi in Puglia, dove si trovano il Centro Stile e il Centro Sviluppo Prodotto che costituiscono il cuore creativo dell’azienda.

L’artista Adrien Missika – francese, attivo tra Berlino e Città del Messico – è stato invitato dalla curatrice Myriam ben Salah proprio per la sua capacità di tradurre l’esperienza personale di un luogo in opere capaci di coinvolgere, di volta in volta, diversi media, dalla scultura alla fotografia, dall’installazione al video. Il progetto permetterà a Missika di entrare in contatto diretto con la Puglia – storicamente terra di contaminazioni, crocevia nel Mediterraneo di culture e influenze, unione di tradizione e innovazione, abilità artigianale e capacità di “saper fare” – e con l’azienda in tutti i suoi aspetti legati alla progettazione alla produzione, ma anche alla ricerca sui materiali e alla sperimentazione tecnologica. La Puglia rappresenta la “musa ispiratrice” del brand Natuzzi, una terra con cui l’azienda ha un legame forte e vitale, un elemento imprescindibile per capire l'essenza che da sempre anima e identifica il brand. “Ho accettato con entusiasmo l’invito di Natuzzi per il progetto Open Art”, afferma Missika. “Alcuni aspetti della mia ricerca, legati alla moderna idea di evasione e ozio e la loro rappresentazione commerciale possono intrecciarsi in modo interessante con la filosofia e l’estetica di Natuzzi”.

La sfida di Missika sarà interpretare il concept Harmony Maker, uno statement che sintetizza la capacità di Natuzzi di creare armonie perfette negli spazi. Il concept portante è dunque l’armonia tra oggetti, un’armonia da vivere in casa, che è l’archetipo su cui si sviluppa il DNA della marca: Natuzzi blends design and function to create harmonious living. Natuzzi Italia con questo nuovo progetto rafforza il suo legame con il mondo dell’arte contemporanea sostenendo l’innovazione e proiettando sul palcoscenico globale le ispirazioni che rendono unico il marchio. In occasione dell’opening, Disaronno, il liquore italiano più famoso al mondo, presenterà uno speciale cocktail Natuzzi ideato appositamente per la tappa di Open Art a Miami.

Adrien Missika (Parigi, 1981), laureato dalla prestigiosa ECAL di Lausanne, vive e lavora tra Berlino e Città del Messico. La sua ricerca si basa sull’incontro e la rottura tra l’esperienza del viaggio e la rappresentazione dell’esotismo e del tempo ricreativo, integrando un certo immaginario pubblicitario al proprio. Il suo lavoro nasce sempre dall’esperienza personale di un luogo che viene poi materializzata in un’opera, una scultura, una fotografia, un’installazione o un video. Tra i suoi progetti e le sue mostre, si segnalano: Residency, 21er Haus, Belvedere, Vienna (2015); Winner Guggenheim Foundation Prize (2013); Winner 13rd Prix Fondation d'entreprise Ricard (2011), Parigi; HMI, Module, Palais de Tokyo (2009).

Myriam Ben Salah (Algeri, 1985) vive e lavora a Parigi. Dal 2009 è curatore dei progetti speciali e della programmazione culturale del Palais de Tokyo. Nel 2014 ha co-curato, con Maurizio Cattelan e Marta Papini, la mostra Shit and Die a Torino. Tra le altre mostre da lei curate, si segnalano: Dirty Linen alla Deste Foundation (Atene) e Like the deserts miss the real alla Galerie Steinek (Vienna). Collabora con diverse riviste d’arte tra quali Artforum, Flash Art, Art Press.

Il Gruppo Natuzzi, fondato nel 1959 da Pasquale Natuzzi, disegna, produce e vende una vasta collezione di divani, poltrone, mobili e complementi d’arredo per la casa. Con un fatturato di 461,4 milioni di euro nel 2014, il Gruppo Natuzzi è la più grande casa di arredamento italiana e unico player globale nel settore, con 8 stabilimenti produttivi, 12 uffici commerciali e oltre 1.100 punti vendita nel mondo. Etica e responsabilità sociale, innovazione, know-how industriale e la gestione integrata dell’intera catena del valore rappresentano i punti di forza che hanno reso il Gruppo Natuzzi leader di mercato. Natuzzi S.p.A. è quotata al New York Stock Exchange dal 13 maggio 1993. Il Gruppo è certificato ISO 9001 e 14001 (Qualità e Ambiente) e OHSAS 18001 (Sicurezza sui luoghi di lavoro).

articolo pubblicato il: 20/11/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it