torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Invidiatemi come io ho invidiato voi"

al Teatro dell'Orologio di Roma


Teatro dell’Orologio stagione 2015 – 2016

Invidiatemi come io ho invidiato voi

scritto e diretto da Tindaro Granata con (in ordine alfabetico) Caterina Carpio, Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Paolo Li Volsi, Bianca Pesce, Francesca Porrini voce registrata del magistrato Elena Arcuri assistente alla regia Agostino Riola scene e costumi Eliana Borgonovo disegno luci Matteo Crespi elaborazioni musicali Marcello Gori produzione BIBOteatro e Proxima Res

Premio Mariangela Melato 2013 – attore emergente a Tindaro Granata spettacolo vincitore del Premio Fersen 2013 alla Regia spettacolo vincitore del Premio Enriquez 2014 alla Drammaturgia selezione Visionari Kilowatt Festival 2014

Sala Moretti dal 6 all’11 ottobre 2015 dal martedì al sabato ore 21:30 | domenica ore 18:30

Con Invidiatemi come io ho invidiato voi ha inizio la stagione 2015 – 2016 del Teatro dell’Orologio, intitolata Cambiamento Reale, che apre il percorso monografico della compagnia Proxima Res. A seguire infatti andranno in scena FUORIGIOCO, di Emiliano Masala, scritto da Lisa Nur Sultan (in prima nazionale dal 13 al 22 ottobre 2015), e Antropolaroid, di Tindaro Granata (dal 23 al 25 ottobre 2015).

In Invidiatemi come io ho inviato voi, una donna diventa amante del datore di lavoro di suo marito. Si frequentano di nascosto. La donna, che ha una figlia di 3 anni, progetta di lasciare il marito per andare a vivere con l’amante. Per abituare la bimba alla presenza di una figura maschile diversa da quella del padre, la donna affida spesso la bimba all’amante. L’amante è un pedofilo e, dopo un abuso, la bimba muore. Il pedofilo ha avuto l’ergastolo, la madre viene condannata a 15 anni di reclusione perché viene dichiarata colpevole di connivenza. Sapeva. Tutti i componenti della storia dichiareranno la loro versione dei fatti, cercando una verità che non tiene conto della bimba che è morta. “Se volessi essere banale e superficiale direi che la bambina rappresenta la nostra Italia. La perdita di un innocenza stuprata dalla nostra disonestà. A volte sono banale. Il testo è basato su una storia vera, ma il riferimento che c’è sotto è puramente metaforico”. (Tindaro Granata)

Note di regia
Ho deciso di scrivere questo spettacolo perché volevo affrontare un tabù: parlare di un abuso su un minore. Si può fare se viene preso a pretesto un caso, ma non si parli del fatto in sé. Tutto è nascosto dietro a cose non dette, a cose che non si vuol vedere e a sensazioni che non ci si permette di ascoltare. Ho voluto fare un’analisi “emotiva” della micro società, famiglia, che gravita intorno ad un caso di pedofilia. Una madre, (mia sorella, mia moglie, me?) affida la figlia di due anni al suo amante (mio fratello, mio marito, un mio amico?) che di nascosto abusa della bimba. La piccola muore. “Intorno” a questi due sciagurati, altre figure familiari (mia nonna, tua zia, la nostra vicina di casa, suo figlio, noi), che vivono il proprio egoismo dimenticandosi della povera protagonista: la bimba. Quando sono in metropolitana, ascolto la gente. Per la strada, guardo la gente. A volte mi rivedo in ciò che guardo e sento. Sono come loro! Quest'idea, mi blocca. In questo fermo, sto appeso ad un filo tristanzuolo. Sgocciolo che siamo gente sola. Stiamo morendo per far vivere i nostri desideri, dimenticando come sia bello vivere per far vivere i desideri degli altri. Egoismo genera Solitudine. Solitudine genera Invidia. Invidia genera Infelicità. Infelicità spinge gli uomini a cercare Felicità in "Ogniccosa". "Ogniccosa" è composta da "Ogni" e da "Cosa", una è bianca e l'altra è nera; insieme diventano: Invidiatemi come io ho invidiato voi.
Tindaro Granata

PROXIMA RES La compagnia è stata fondata nel 2009 e ha la sua sede a Milano. Proxima Res è un laboratorio permanente di idee; un centro di produzione artistica; un luogo di studio, in cui sviluppare talenti e dialogare alla ricerca di forme teatrali che comunichino pensiero; un incontro tra artisti: registi, drammaturghi, coreografi, attori e danzatori che desiderano sviluppare le loro intuizioni, lavorare insieme per ampliare la ricerca e lo studio sullo spettacolo dal vivo; infine una scuola di teatro e di movimento, un “luogo” di allenamento e ascolto per il corpo e una scuola di formazione attoriale. Sostiene progetti di giovani artisti che in questi anni faticano ad avere visibilità e spazio. www.proximares.it

INFO E PRENOTAZIONI La prenotazione è vivamente consigliata 06 6875550 | biglietteria@teatroorologio.com le prenotazioni possono essere effettuate dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 19:00 intero 15 euro ridotto 12 euro ingresso consentito ai soli soci: tessera associativa annuale 3 euro

articolo pubblicato il: 03/10/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it