torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"Icastica 2015"

ad Arezzo


Una parte del centro di Arezzo - Piazza del Popolo, Piazza Amintore Fanfani, Casa della Culture - riconquista la propria dignità tramite l'arte, dono di Icastica 2015.

Guido Van Helten, Seth e Vhils completeranno i murales di Icastica 2015 dal 9 al 15 settembre con I street - ramo della manifestazione che ha preso luogo ad Arezzo, curato da 999 Contemporary con il sostegno di Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo, sotto la direzione artistica di Fabio Migliorati. Il gruppo di street artist è formato da nomi noti su scala mondiale, artisti impegnati nel ridisegnare i confini e gli edifici perfino di interi quartieri delle città, confermando l'abbattimento degli stereotipi che vedono i graffiti come opera anticonformista per rovinare muri e sconvolgere il tessuto urbano. Il lavoro dei tre artisti si affiancherà a quello di Sten-Lex e Moneyless, iniziatori del progetto, e di Brad Downey ed Eron, continuatori dell'opera.

Brad Downey (nato a Louisville, Kentucky, USA nel 1980, ora stabilito a Berlino) si è affermato nella scena internazionale con le sue installazioni, sculture e performance fuori dagli schemi della vernice spray, accostando un'espressione artistica che si amalgama al paesaggio urbano, senza intrusione, senza artificialità. Eron (Rimini, Italia - 1973), eletto miglior street artist italiano dalla rivista specializzata AL Magazine alla fine degli anni Novanta, ha continuato a perfezionare la tecnica della spray painting fino ad ottenere un risultato pittorico distinguibile, ampliando la propria opera a lavori su tela oltre che per le strade. Moneyless (Milano, Italia - 1980, ora in Toscana) indaga, interroga e rappresenta gli elementi più nudi e veri della vita, trasformando la sua opera in continua evoluzione in una denuncia sociale della situazione umana nel mondo, citando Platone e la sua concezione geometrica come culla della Natura. Seth (Parigi, Francia - 1972) si occupa di documentare l’arte pubblica nella televisione francese. Spesso in viaggio per studiare e raccontare il mondo, i suoi murales si ispirano ai paesi che tocca, esprimendo questa continua ricerca poliedrica in lavori dalle note multietniche ed internazionali. Sten (Roma, Italia - 1982) e Lex (Taranto, Italia - 1982) sono tra gli artisti italiani di Urban Art che emergono di più a livello internazionale. Pionieri della tecnica dello stencil in Italia, incuriositi dalla tecnica, la cominciano ad applicare nel 2001 nei vicoli di Roma e continuano ancora oggi la ricerca di questa arte nei loro murales astratti in bianco e nero. Guido Van Helten (Brisbane, Australia - 1986), esponente di una Street Art emozionale, si serve della tradizione pittorica illustre per esercitare sullo spettatore una spinta all'attività, alla reazione partecipativa, traducendo le proprie riflessioni in specchio della mentalità di chi osserva la sua arte, oscillando fra il realismo storico e l'iperrealismo contemporaneo. Vhils (Lisbona, Portogallo - 1987), noto alla critica internazionale grazie alla "parete scultura", si serve del carving - una base scratching delle superfici - per dialogare visivamente con la città che ospita le sue opere. Il suo lavoro diventa poesia visiva, nata dall'unione di tecnica complessa e minimalismo che tocca le corde più emotive dell'osservatore, espressione della relazione tra le libere aspirazioni dell'individuo e l'esigente ambiente saturo della metropoli.

"L'Arezzo di ICASTICA è l'Italia che vorrei", chiosa così il Prof. Emmanuele F. M. Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo, conversando con Fabio Migliorati, critico d'arte e art director di ICASTICA; la rassegna, fondata tre anni fa sotto la guida dell'indimenticabile Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Arezzo Pasquale Giuseppe Macrì, esprime oggi, nel 2015, tutto il proprio valore culturale, coinvolgendo larghissima parte della cittadinanza più attiva di Arezzo - confermandosi l'evento più importante per l'arte in Toscana, e, dopo la Biennale di Venezia, in Italia.

articolo pubblicato il: 09/09/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it