torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
mostra sulla psichiatria

a Trento


Torna a Trento per la terza volta la mostra multimediale sulla psichiatria, organizzata dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus.

La mostra sarà aperta dal 10 al 20 settembre presso la Sala Foyer del Centro Servizi Culturali Santa Chiara in via S. Croce 67.

La cerimonia di apertura si terrà sabato 12 settembre alle ore 11.00 presso la sede della mostra, con uno spettacolo di danza classica offerto dalla scuola di danza internazionale "Ensemble Danza Estense" di Luisa Tagliani di Ferrara.

La mostra è la copia del famoso museo di Los Angeles diventato meta di studio per scuole di infermieri, assistenti sociali e di medicina. Ne esistono 14 in tutto il mondo. Dall'epoca dei manicomi fino ai giorni nostri, la gente vive la malattia mentale con paura e incertezza. Più informazione è sempre stata la risposta, a lungo termine, a qualunque problema. Un cittadino informato è un cittadino responsabile, anche se le informazioni non sono dolci al palato (soprattutto quando si parla di violazione dei Diritti).

La mostra multimediale: "Psichiatria – un viaggio senza ritorno" è composta da 78 pannelli illustrativi e da 14 audiovisivi che ripercorrono la storia della psichiatria sino ai giorni nostri. I suoi sviluppi i retroscena e il perché dei trattamenti come ad esempio contenzione, lobotomia ed elettroshock. La mostra ha toccato moltissime città italiane (Milano, Torino, Trieste, Catania, Cagliari, Verona, Messina, Montegrotto Terme, Ravenna, Padova, Brescia, Modena, Macerata e molte altre) e molti Paesi in tutto il mondo – dagli Stati Uniti, all'Europa, all'Australia. In tutte queste città la mostra è stata visitata da decine di migliaia di persone che ne sono rimaste molto colpite, e ha ricevuto vasta attenzione dai media locali. Nelle due occasioni in cui è stata ospitata a Trento nel 2008 e 2009, è stata visitata da circa 4000 persone molte delle quali ci hanno lasciato dei commenti profondi ed entusiastici.

La mostra è il compendio di oltre 40 anni di ricerca con inediti filmati storici e interviste ad oltre 160 persone tra psichiatri, psicologi, medici, avvocati, pedagogisti e testimonianze di persone che raccontano personalmente cosa vuol dire il trattamento e le sue conseguenze. Nell’edizione di quest’anno saranno disponibili filmati, materiali inediti e seminari specifici molto attuali in Trentino, sul tema dell'ADHD e della somministrazione di psicofarmaci ai bambini in tenera età e sugli allontanamenti superficiali dalle famiglie.

Non è una mostra per cuori teneri, e oltre a segnalare un sistema trentino in miglioramento, non saranno certo risparmiate le critiche ma la cittadinanza sarà informata fino in fondo.

articolo pubblicato il: 18/08/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it