torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Contact Zones"

progetto internazionale e multidisciplinare


Germania, Gran Bretagna e Italia si incontrano nello spazio artistico di Contact Zones, il progetto internazionale e multidisciplinare realizzato da Margine Operativo in collaborazione con Ondadurto Teatro grazie al supporto del Programma di Europa Creativa 2015/2016.

Contact Zones è un progetto che approfondisce la ricerca artistica sulle combinazioni tra arti performative contemporanee gli spazi urbani, luoghi inusuali ma di grande suggestione, perchè zone di prossimità tra arte e vita.

Il progetto internazionale e multidisciplinare ideato e realizzato da Margine Operativo e Ondadurto Teatro in collaborazione con Protagon e Seachange, grazie al supporto del Programma di Europa Creativa 2015/2016, percorre un viaggio lungo circa un anno, dal 24 luglio 2015 a maggio del 2016, partendo da Francoforte(GE) nell'ambito del Sommerwerft Festival, passando per l'InBorgo Festival di Borgo Velino(IT), per poi volare a Great Yarmuth(UK) in occasione dell' Out There Festival e tornare infine in territorio italiano, a Roma, durante il festival Attraversamenti Multipli. Contact Zones è un territorio artistico meticcio, dove la spettacolarità delle relazioni inedite create dai differenti linguaggi performativi contemporanei, dal teatro alla danza, dalle acrobazie alle videoproiezioni, dalla musica alla street art, dalle grandi macchine sceniche alle installazioni, trasforma e valorizza gli spazi urbani e le aree pubbliche coinvolte, rendendole centri nevralgici dell'interazione con i cittadini/ spettatori.

L'intento è creare un innovativo spazio artistico in cui vivere un'esperienza transculturale, dove differenti patrimoni del sapere si incontrano, si contaminano e si amplificano dallo stupore suscitato nei nuovi pubblici incontrati negli spazi urbani. Proprio questa interazione tra le diverse conoscenze, abbatte i confini culturali all'interno della Contact Zones, dove parole come Luogo, Racconto e Corpo, diventano protagoniste attraverso le performance site-specific (interventi artistici ideati appositamente per gli spazi attraversati), indagano le relazioni possibili tra spazio, azione artistica, reazione e contaminazione degli abitanti. Un progetto unico, per l’ attenzione posta sulla scelta di location inconsuete, la multidisciplinarietà, lo sguardo attento sulle nuove creatività e la relazione tra arti performative e spazi pubblici.

articolo pubblicato il: 30/07/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it