torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
anno positivo per Marche Teatro

MARCHE TEATRO ha ottenuto per il 2015 un contributo ministeriale pari a €678.299, registrando un aumento di €57.697 rispetto al 2014. Un trend positivo che va a sommarsi a quello dello scorso anno, quando alla nascita di Marche Teatro scarl, il Ministero per i Beni le Attività Culturali e il Turismo aveva già premiato l’Ente rispetto alla somma dei contributi precedenti. Un anno molto positivo per Marche Teatro che ha riscontrato dalla sua costituzione successi, sia dal punto di vista artistico con produzioni che si sono affermate nel panorama italiano, che gestionale con bilanci in equilibrio e sul territorio con un considerevole aumento delle attività proposte, che hanno dimostrato il successo della formula istituzionale consortile di Marche Teatro che ha potenziato e valorizzato le attività di produzione teatrale e le altre presenti sul territorio.

Dal punto di vista istituzionale nel 2015 inoltre Marche Teatro è stato riconosciuto, con il nuovo decreto ministeriale, Teatro di Rilevante Interesse Culturale; un traguardo importante considerando che, su 68 teatri stabili, solo 19 hanno avuto accesso a questa categoria. Tra l’altro il direttore di Marche Teatro Velia Papa è stata nominata nel direttivo di Fondazione Platea, l’organo di rappresentanza dei Teatri Nazionali e dei teatri di rilevante interesse culturale a iniziativa pubblica. Il nuovo Presidente è Filippo Fonsatti direttore del Teatro di Torino, Il nuovo vicepresidente è Angelo Pastore, direttore del Teatro Stabile di Genova. Accanto a loro siedono nell’Ufficio di presidenza Antonio Calbi, direttore del Teatro di Roma, Luca De Fusco, direttore del Teatro di Napoli, e appunto Velia Papa, direttore di Marche Teatro. Rimarranno in carica per due anni. Una nomina che rivela il posizionamento di MARCHE TEATRO all’interno delle dinamiche nazionali dei teatri italiani.

Rispetto all’attività nel 2015 MARCHE TEATRO ha registrato diversi successi: una bellissima tournée di successo con 19 città per 70 repliche per LA DODICESIMA NOTTE di William Shakespeare con e regia di Carlo Cecchi (che stasera sarà in onda su RAI5) che ripartirà poi in tournée nel 2016; un debutto due giorni fa di grande prestigio al Festival delle Colline Torinesi con uno spettacolo sulla Prima Guerra Mondiale (riconosciuto come spettacolo delle Celebrazioni della Grande Guerra della Presidenza del Consiglio dei Ministri) TRINCEA di e con Marco Baliani (nuovo artista entrato nel 2015 a lavorare a Marche Teatro), i tanti successi dell’artista e performer Alessandro Sciarroni ormai entrato a far parte dell’olimpo dei performer internazionali che con le produzioni Joseph, Folk-s, Untitled sta girando tutto il mondo e il lavoro prosegue con tanti progetti nuovi con artisti di qualità come Arturo Cirillo, la Compagnia Musella Mazzarelli, Glen Caci, 7-8 chili e molte collaborazioni internazionali. Nel 2015 sono previsti 14 titoli di produzione per 111 persone impiegate con un totale di quasi 9.000 giornate lavorative. Sul territorio, Marche Teatro ha sviluppato un’attività che è più che raddoppiata rispetto agli anni precedenti con 4 cartelloni proposti sulla città di Ancona di: teatro, danza, scena contemporanea, teatro ragazzi che si vanno ad aggiungere alle molte residenze creative, ai tanti laboratori e ad un impegno particolare sui nuovi contenitori cittadini.

MARCHE TEATRO propone tra qualche giorno la grande kermesse di INTEATRO Festival (25 giugno/4 luglio), che in questa 37° edizione torna ai vecchi fasti con 10 giorni spettacoli con 22 compagnie da Europa Asia e Africa e 12 prime nazionali. La grande novità del Festival per il 2015 è anche che invade la città di Ancona dove popone grande compagnie internazionali danza, performance, teatro e dj set, tra Teatro delle Muse, Mole Vanvitelliana e Teatro Sperimentale oltre alla consueta location di Villa Nappi a Polverigi. Anteprima del festival è l’apertura il 19 giugno alle ore 18.30 del Teatro della Biosphera alla Sala mostre della Mole Vanvitelliana. Una semisfera trasparente, che è un teatro, per 30 spettatori alla volta, che fino al 13 luglio propone un’azione teatrale (Energia/ Utopia e in luglio sarà Biosphera d’acqua). www.marcheteatro.it

articolo pubblicato il: 14/06/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it