torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
Giovanni Faccioli

a Mantova


Arianna Sartori Arte & Object Design Via Ippolito Nievo, 10 - 46100 Mantova - Tel. 0376.324260 – info@ariannasartori.191.it

Giovanni Faccioli

Nome della Galleria: Galleria "Arianna Sartori" Indirizzo: Mantova - Via Ippolito Nievo, 10 - tel. 0376.324260 Titolo della mostra: Giovanni Faccioli Date: dal 9 al 21 maggio 2015 Inaugurazione: Sabato 9 maggio ore 18.00 alla presenza dell’Artista. Orario di apertura: dal Lunedì al Sabato 10.00-12.30 / 16.00-19.30. Chiuso festivi.

Dal 9 al 21 maggio, la Galleria Arianna Sartori di Mantova nella sede di via Ippolito Nievo 10, presenta i dipinti dell’artista veronese Giovanni Faccioli. L’esposizione, curata da Arianna Sartori, vede esposte una selezione di opere realizzate dall’artista negli ultimi anni. La mostra si inaugura sabato 9 maggio alle ore 18.00 alla presenza dell’artista.

Le opere esposte daranno al pubblico l’occasione di confrontarsi con i classici temi e soggetti del maestro: i giocattoli dell’infanzia, il silenzio di stanze colme soltanto di luce. E ancora: nudi maschili vigo-rosi e splendide fanciulle all’apice della loro femminilità, impegnati però in giochi infantili; le pose ieratiche delle figure. Affascinante nei dipinti la resa di una languida innocenza costruita intorno a elementi dal forte impatto visivo, come i panni rosso fuoco. Colpisce nell’arte del maestro l’incontro di uno stile personale, nella resa pittorica, nell’uso della luce e nei soggetti, con le opere dei grandi maestri del passato. Queste ci-tazioni, a volte nascoste (Tiziano), a volte palesi (Giovanni Bellini), a volte addirittura dichiarate (Piero della Francesca), illuminano le opere, come direbbe un celebre scrittore contemporaneo, “con la luce del passato”.
Glauco Manzoni

Giovanni Faccioli
Nato nel 1942 a Colognola ai Colli (Verona), fin da giovanissimo frequentava lo studio di Dante Broglio, uno dei maggiori incisori veneti del novecento, acquisendo da questo la passione per l’arte figurativa. Dopo un lungo periodo di distacco dall’arte, per motivi di lavoro, riprende l’attività artistica nel 1997 con una mostra a Innsbruck nella Galleria Bertrand Kass, dopo questo ritorno alla pittura ha continuato l’attività allestendo numerose personali sia in Italia che all’estero incontrando un crescente favore da parte del pubblico e della critica. Le sue opere si trovano in numerose raccolte pubbliche e private. .

articolo pubblicato il: 07/05/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it