torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cinema
gran finale del festival

FEFF 17 di Udine


Closing Night davvero esplosiva per il Far East Film Festival 17! Sabato 2 maggio, sotto il segno del leggendario Tsui Hark e del suo attesissimo The Taking of Tiger Mountain, decimo incasso di tutti i tempi in Cina (oltre 150 milioni di dollari), il FEFF e Marco Müller consegneranno il Gelso d’Oro alla Carriera alla produttrice del film: la celebre Nansun Shi.

Protagonista della scena cinematografica asiatica da oltre tre decenni, Nansun Shi ha contribuito in maniera decisiva al successo internazionale del cinema di Hong Kong attraverso la sua attività con lo studio Cinema City e successivamente con la Film Workshop, fondata insieme al regista e produttore Tsui Hark nel 1984. Tra i film più significativi della sua carriera vi sono la serie Once Upon a Time in China (1991-1997), A Better Tomorrow (John Woo, 1989), Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma (Tsui Hark, 2010), distribuito in Italia dalla friulana Tucker Film, Flying Swords of Dragon Gate (Tsui Hark, 2011), nonché Infernal Affairs (Andrew Lau, Alan Mak, 2002), riadattato quattro anni più tardi da Martin Scorsese in The Departed.

The Taking of Tiger Mountain, che proprio come Detective Dee verrà distribuito in Italia dalla Tucker Film (la notizia è di queste ultime ore!), è stato girato in 3D e racconta il duello tra il feroce bandito Hawk, asserragliato in una fortezza durante la guerra civile del 1946, e l’investigatore Yang, infiltrato sotto copertura tra le fila della banda criminale. Riuscirà il nostro eroe, per conto dell’Esercito di liberazione, a fare giustizia? «Non ho girato il film come un’opera storica – ha dichiarato Tsui Hark, l’uomo che ci ha regalato le mitiche saghe di Once Upon a Time in China e Detective Dee – ma come un’opera totalmente contemporanea, per catturare quanto più possibile le emozioni degli spettatori». Gli fa eco Ross Chen: «Pur essendo basato su un’opera patriottica, Tiger Mountain è essenzialmente un film apolitico, che sceglie di raccontare una storia travolgente di azione e avventura opponendo dei bravi ragazzi a dei malvagi criminali».

Dopo la presentazione al FEFF 17, ricordiamo, i vertiginosi paesaggi di The Taking of Tiger Mountain sfileranno l’8 maggio sul grande schermo del Trento Film Festival, la rassegna internazionale dedicata al cinema e alla montagna.

articolo pubblicato il: 01/05/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it