torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"A volte non abito qui"

al Teatro Ambra alla Garbatella di Roma


A volte non abito qui

Parole e danza per raccontare l’epilessia Direzione artistica Valeria Mecarelli Interpreti: Daniel Terranegra, Marta De Ioanna Coreografie e Danza Marta De Ioanna Musiche Originali Marco ‘uBik’ Bonini Luci Diego Pirillo Scene e Costumi Valeria Mecarelli Make-up Esma Allaoui Audio Leonardo Greco

mercoledì 22 aprile Teatro Ambra alla Garbatella Piazza Giovanni da Triora 15 – Roma

Nel Lazio sono circa 44.000 le persone che soffrono di epilessia “A volte non abito qui” è lo spettacolo di teatro-danza prodotto dalla Fondazione Epilessia LICE Onlus dedicato all’epilessia, in scena il 22 aprile presso il Teatro Ambra alla Garbatella di Roma, nell’ambito delle iniziative per la Giornata Nazionale per l’Epilessia 2015. La coinvolgente rappresentazione, interpretata da Daniel Terranegra e Marta De Ioanna, segue un percorso esperienziale simile a quello provato dai pazienti: partendo dalla scoperta della malattia si passa attraverso la consapevolezza e la sua accettazione, fino ad arrivare al “rinfrancamento” nei confronti della vita. Si narra l’evoluzione della malattia con accenti a tratti comici, a tratti più oscuri e drammatici, a volte pacificamente rasserenanti. Teatro Ambra alla GarbatellaL’obiettivo della pièce è dare forma ai molteplici vissuti presentati nel libro “A volte non abito qui”, un testo che raccoglie racconti e poesie scritte da pazienti, familiari e medici. Il volume “A volte non abito qui” edito nel giugno 2013 da Fondazione Epilessia LICE, rappresenta il primo esperimento italiano di medicina narrativa(1) sull’epilessia e raccoglie testimonianze di vita che ruotano attorno ad una delle malattie neurologiche più diffuse al mondo. L’epilessia, infatti, è una malattia neurologica molto diffusa anche se ancora poco conosciuta, in Italia interessa circa 500.000 persone con 30.000 nuovi casi l’anno, in particolare bambini e anziani.

Nella pièce teatrale, la parola si arricchisce della forza evocativa della danza e della musica contemporanea componendo un unicum mirato al risveglio dell’emotività nel pubblico. Testo, direzione artistica, scene e costumi di “A Volte non abito qui”, sono a cura di Valeria Mecarelli; le coreografie e la danza a cura di Marta De Ioanna. L’ attore Daniel Terranegra e la danzatrice Marta De Ioanna, si alternano e condividono il palco. La musica originale contemporanea è composta e proposta in live da Marco "uBik" Bonini , Il Light Design è a cura di Diego Pirillo. La rappresentazione ha la durata di cinquanta minuti circa, il costo del biglietto è di 15,00 euro. É possibile acquistare i biglietti direttamente sul sito www.fondazioneepilessialice.it. Per maggior informazioni contattare la Segreteria allo 06 85355590 oppure scrivere a fondazionelice@ptsroma.it.

Il ricavato sarà utilizzato da Fondazione LICE per la promozione della ricerca sull’epilessia. Per sostenere le attività della Fondazione è possibile, inoltre, devolvere il 5X1000 del IRPEF alla Fondazione Epilessia LICE (Cod. Fiscale 97609380585): una buona azione che non costa nulla, ma che aiuterà a perseguire gli obiettivi della Fondazione di ricerca scientifica in campo epilettologico. Informati sui progetti www.lice.it www.fondazioneepilessialice.it Facebook

articolo pubblicato il: 17/04/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it