torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Dolce vita"

al Teatro Rossini di Pesaro


Punto di riferimento della danza italiana per il suo stile inconfondibile e per la sua altissima poeticità, la Compagnia Virgilio Sieni porta in scena domenica 19 aprile al Teatro Rossini di Pesaro con Dolce vita. Archeologia della Passione la poesia del gesto e l’esplorazione dell’umano, delle sue debolezze e fragilità. Direttore della Biennale Danza di Venezia, il coreografo Virgilio Sieni si confronta in questo spettacolo - proposto su iniziativa del Comune di Pesaro e dell’AMAT nel cartellone di TeatrOltre - con le sacre scritture e in particolare con quella serie di episodi che formano la passione di Cristo.

“Lo spettacolo si forma cercando di far coincidere due strade parallele - afferma Virgilio Sieni - proponendo due narrazioni adiacenti che si sviluppano nel riversarsi l’una nell’altra; sono cinque quadri coreografici, Annuncio, Crocifissione, Deposizione, Pietà, Resurrezione, ciascuno dei quali si inoltra nel racconto evangelico della passione di Gesù e allo stesso tempo ricerca il senso della comunità attraverso un arcipelago di avvicinamenti. Nasce così la necessità di dar luogo a un viaggio che riflette sul dolore e la bellezza, la pietà e la leggerezza.

La comunità di danzatori si muove come un unico corpo, attraversano il vacuum dello spazio lasciando tracce di umanità, depositando un gioco continuo che pone il corpo e la danza al pari di un annuncio, un richiamo che affonda le sue radici nel desiderio di memoria: così la coreografia nasce e trapassa all’istante, tracciando una mappa archeologica del corpo che tenta di indicarci un sentiero possibile di adiacenza della danza alla vita, della vita al corpo, delle azioni alla bellezza e alla tragedia.”

“Non c’è improvvisazione nel lavoro di Sieni e dei suoi ottimi danzatori - scrive la giornalista Alessandra Bernocco su “Europa” - ma una coreografia ferrea all’interno della quale «si annida un sistema di variazioni, risonanze, echi e fessurazioni» che rendono possibile una palingenesi continua del gesto, un coagulo di immagini che si frammentano e ricompongono in forme diverse, grazie a corpi capaci di sospensioni e di sorvegliatissime simulazioni di cadute, di equilibri sfidati e poi recuperati in un ininterrotto processo di ri-creazione.”

I danzatori in scena sono Giulia Mureddu, Sara Sguotti, Jari Boldrini, Ramona Caia, Maurizio Giunti, Giulio Petrucci, Claudia Caldarano e Marjolein Vogels. Le musiche di Daniele Roccato sono eseguite dal vivo dall’autore. Le luci sono di Fabio Sajiz e Virgilio Sieni, i costumi di Giulia Bonaldi. Dolce Vita è una produzione Compagnia Virgilio Sieni in collaborazione con Ert - Emilia Romagna Teatro, Romaeuropa Festival.

Biglietti da 7,5 a 17 euro. Informazioni e biglietteria: Teatro Rossini (0721 387621). Inizio spettacolo ore 21.

articolo pubblicato il: 16/04/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it