torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Il mago dell'aria e il baraccone delle ombre"

allo ZTN di Napoli


"Il mago dell'aria e il baraccone delle ombre", una favola divertente, moderna ed antica di Gennaro Monti con protagonisti Felice e Pulcinella, è in scena allo ZTN (Vico Bagnara, 3a - traversa di Piazza Dante - Napoli) dal 10 al 26 aprile. Nel cast, Enzo Attanasio e Marjo Berasategui. Tra pupi e pupari, tradizione e avanguardia, una parabola moderna, metafora dello stato dell'arte al giorno d'oggi.

Note di regia Mi sono ispirato a “Il baraccone delle marionette meccaniche” di Petito ed ho sviluppato una favola strana, tutta mia. Come nel testo del grande “Pulcinella”, giunge a Napoli una famiglia di pupari “meccanicamente” all’avanguardia, che minacciano i teatranti di figura locali. La famiglia “Cuomo” si organizza e cerca di resistere alla foga dei conquistatori nordici con un baraccone da quattro soldi e con trovate al limite della “saltimbancheria”. Pulcinella, macchinista svogliato, teme per la sua “pancia” ed i suoi compagni di viaggio, con a capo Marco e Asdrubale, hanno poche idee e insufficienti risorse per resistere al “moderno che avanza”. Intanto, piomba nella compagnia Don Felice Sosciammocca, convinto di poter conquistare la bella Meropea, figlia di don Marco. Pulcinella lo convince ad arruolarsi come macchinista, ma nessuno sa che Donna Disgrazia, madre di Felice, è sulle tracce del figlio scapestrato, decisa a punirlo per questa sua fuga d’amore. E’ notte e ci si prepara! L’alba vedrà la sfida con i pupari del nord. Proprio in questa notte …..avviene una magia. Giunge da un mondo sconosciuto un Mago: il Mago dell’Aria. Il Mago decide di aiutare la famiglia di artisti senza fama e fornisce loro un copione magico, donatogli dal grande W. Shakespeare. Ne nasce una farsaccia mal recitata, che coinvolge il pubblico e la signora Disgrazia, che era riuscita ad intrufolarsi a teatro. Da qui il registro cambia, ma svelare il finale sarebbe un peccato.. mortale... Una favola che non fa morale nè lezioni, una favola artigiana, semplice , magica, fatta di piccoli ingranaggi e di una compagnia di attori unici.

Venerdì 10 Aprile ore 21 Sabato 11 Aprile ore 21 Domenica 12 Aprile ore 19

Venerdì 17 Aprile ore 21 Sabato 18 Aprile ore 21 Domenica 19 ore 19

Venerdì 24 Aprile ore 21 Sabato 25 Aprile ore 21 Domenica 26 Aprile ore 19

ZTN (Zona Teatro Naviganti) Vico Bagnara, 3a (Traversa Vaco 'e press da Piazza Dante - Napoli) a 100 metri dalla fermata Dante della linea 1 della Metropolitana Informazioni: 3466988968

articolo pubblicato il: 07/04/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it