torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Eneide di Krypton"

al Teatro Rossini di Pesaro


Lo spettacolo di Giancarlo Cauteruccio Eneide di Krypton, che negli anni 80 rappresentò un archetipo della ricerca teatrale, torna in una nuova versione hi tech, rappresentazione multimediale del poema epico con le musiche originali dei Litfiba mercoledì 25 marzo al Teatro Rossini di Pesaro per TeatrOltre.

Oggi, questo pezzo di storia del teatro italiano che trenta anni fa divenne un cult e generò una rivoluzione estetica, con un ruolo centrale nelle trasformazioni della ricerca teatrale, ritrova la stimolante e importante collaborazione dei musicisti Gianni Maroccolo, Antonio Aiazzi e Francesco Magnelli che insieme ridanno vita a un’opera totale.

È uno spettacolo completamente nuovo quello portato in scena in questa versione, che si arricchisce dell’esperienza maturata dagli artisti, del mutato punto di vista, delle nuove possibilità tecnologiche e non ultimo di un senso critico verso i linguaggi e verso il sistema delle arti. In questo allestimento gli artisti entrano direttamente nella scena per farsi carico di tutta l’energia creativa ed espressiva che dall’opera virgiliana discende di nuovo sui suoi cantori contemporanei. Quel che fu un racconto in musica, basato sull'azzerarsi della parola poetica, viene oggi interpretato come testimonianza viva, dove i quattro artisti recuperano il testo virgiliano e gli conferiscono una nuova vibrazione, dai suoni più maturi e dirompenti.

“Tornare all'Eneide di Krypton - afferma Giancarlo Cauteruccio - è come riavvolgere il nastro di un lungo tratto del mio percorso, è come riesumare le tracce della mia esperienza per comprenderne il senso, per rilevarne gli sguardi incontrati, per mettere meglio a fuoco i risultati raggiunti e, insieme, quelli falliti che, in linea con il pensiero beckettiano, dell’arte sono la migliore essenza. Mi ritrovo adesso nella scena, nel tentativo di rivivere il viaggio di una mia opera senza i corpi giovani e prestanti che la abitavano, fieri dentro le loro corazze di plastica e di plexiglass, ma sostenuto dai musicisti, anch’essi decisi a entrare nella scena e a farsi attori della loro opera, così restituendo la forza originaria di una grande intuizione giovanile. Inutile sottolineare in che misura l'approdo di Enea sulle coste libiche evochi gli sbarchi che segnano tragicamente il tempo presente. Così come la sacralità dell’accoglienza riservata agli stranieri fuggiaschi da Troia distrutta, espressa nelle parole di Didone, faccia inevitabilmente riflettere sull’emergenza dei nostri giorni. E come amore e morte, così legati simbolicamente, e le battaglie di conquista ancora oggi narrino parte dell'esistenza umana.”

TeatrOltre è una rassegna multidisciplinare di teatro, musica e danza promossa dai Comuni di Pesaro, Urbino, Fano, San Costanzo, San Lorenzo in Campo, Urbania e dall’AMAT e realizzata con il contributo della Regione Marche e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Per informazioni e biglietti (10 euro, ridotto 8 euro): Teatro Rossini 0721 387621, AMAT 071 2072439. Inizio spettacolo ore 21.

articolo pubblicato il: 23/03/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it