torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"Good Vibes"

a Mantova


Francesco Vanzaghi

Good Vibes

Nome della Galleria: Galleria "Arianna Sartori" Indirizzo: Mantova - Via Cappello, 17 - tel. 0376.324260 Titolo della mostra: Francesco Vanzaghi “Good Vibes” Date: dal 28 febbraio al 12 marzo 2015 Inaugurazione: Sabato 28 febbraio, ore 17.30. Sarà presente l’artista. In collaborazione con: Galleria Magenta – Magenta (MI). Orario di apertura: dal Lunedì al Sabato 10.00-12.30 / 16.00-19.30. Chiuso festivi.

La Galleria Arianna Sartori è lieta di presentare la mostra personale di Francesco Vanzaghi (Milano, 1979) nella sede di Via Cappello 17 a Mantova. La mostra “Good Vibes”, che si inaugurerà Sabato 28 febbraio alle ore 17.30 alla presenza dell’artista è organizzata in collaborazione con la Galleria Magenta (Magenta – MI) e resterà aperta al pubblico fino al prossimo 12 marzo 2015.

Quindici tele di medie e grandi dimensioni compongono una rappresentazione corale delle “good vibes” (vibrazioni positive) che l’arte della musica, uno dei temi di ricerca prediletti da Vanzaghi, riesce a creare: atmosfere estatiche, sognanti e a volte sofferte, intensamente ricche di pathos. Vibrazioni che ven-gono espresse con forza in ogni nota pittorica, attraverso una tecnica precisa e impetuosa al tempo stesso, capace di esplodere nei dettagli cromatici e nelle espressioni dei personaggi rappresentati, imprimendo alla fisicità dei corpi e degli strumenti una tensione e un’energia veementi. L’indagine meticolosa del dettaglio è per Vanzaghi un espediente stilistico in grado di condurre alla scoper-ta di nuove luci e forme, vibrazioni pittoriche che, dal particolare, intonano una sintonia d’insieme ardita e audace ma mai impenetrabile: a tutti infatti è permesso di entrare nella scena del quadro, di assaporare le molteplici sensazioni del contesto e di lasciarsi trasportare dal potente impatto della tela. Dall’America degli Anni Ruggenti alla Francia di Josephine Baker, passando per gli primissimi ombrosi e suggestivi club di jazz: Vanzaghi accompagna l’osservatore in un “tour” musicale e pittorico che attraversa i migliori decenni del Novecento e che ricollega molti personaggi divenuti famosi nel cosiddetto “secolo” breve a miti e leggende dell’antichità, quasi fosse consegnato a loro il compito di reinterpretare la moderni-tà. In questo senso, i titoli delle opere forniscono una nuova chiave di lettura: “Golia”, “Erodiade”, “I satiri”, “Demetra”, “Lete” e via dicendo… La storia ritorna e si ripete nei secoli e nei millenni, acquistando nuovi significati e un nuovo corso grazie anche all’arte. D’altronde è una storia avvincente e vecchia come il mondo, è un bisogno dell’uomo e dell’artista di ieri, di oggi e di domani.

Francesco Vanzaghi nasce nel 1976 in provincia di Milano. Si diploma all’Istituto di Grafica Pubblicitaria Galileo Galilei nel 1995 e, successivamente, frequenta la Scuola d’Arte del Castello Sforzesco, ottenendo segnalazioni di merito da parte dei docenti dei corsi. Nei primi anni Duemila collabora con alcuni progetti editoriali, occupandosi della realizzazione artistica di sog-getti decorativi per riviste specializzate. Non abbandona però la pittura, anzi intensifica una ricerca artistica individuale che lo porterà a scegliere questa tecnica come la più congeniale alla sua indole. Le tematiche pittoriche di Vanzaghi spesso sono riconducibili ai suoi interessi: la musica (in passato è stato anche batterista), il cinema noir e l’espressione corporea nelle sue diverse declinazioni. Con Galleria Magenta (realtà con cui collabora da diversi anni), sviluppa a fondo il tema della musica jazz e blues, indagando le atmosfere estatiche dell’America degli anni ‘30, ’40 e ‘50, dagli albori del rock’n’roll si-no al tramonto della grande Hollywood, periodo per lui di estrema fascinazione. Vanzaghi, nella sua pratica pittorica, arriva a una composizione finale molto vicina al reale, passando però attraverso anatomie concettuali, personalizzate e a tratti “inattendibili”.

Principali mostre personali e collettive: 2013 - Sign on Music, Galleria Magenta Spazio7, Magenta (Mi). 2012 - PLURALISMI: un elogio alla diversità, Galleria Magenta, Magenta (Mi). 2011 - Play it again!, Galleria Magenta, Magenta (Mi). 2010 - Unione Artigiani di Milano, mostra personale in occasione dell’inaugurazione della nuova sede, Milano. 2010 - È questione di attimi. Solo attimi, Galleria Magenta, Magenta (Mi). 2010 - Unicum, Galleria Magenta di Barzio, Barzio (Lc). 2010 - Arte tra i due millenni, Galleria Magenta di Morimondo, Morimondo (Mi). 2008 - Wanna dance?, Galleria Magenta Nuova Dimensione, Magenta (Mi). 2004 - Visioni Reali, Giardini di Mombello, Limbiate (Mi). 2003 - Percorsi e Radici, Biblioteca di Baggio (Mi). 2002 - Collettiva artistica, Art Factory, Milano. 2001 - Mostra Castello Sforzesco di Milano, collettiva allievi della Scuola d’Arte.

articolo pubblicato il: 25/02/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it