torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"DIVA - L'amore va in scena"

al Teatro della Luna di Milano


Opera originale scritta e diretta da Renato Giordano, DIVA - L’amore va in scena debutta in prima assoluta giovedì 26 febbraio alle 21.00 al Teatro della Luna di Milano con Lorenza Mario e Max Cavallari e con Francesco Capodacqua, con canzoni originali di Vincenzo Incenzo. Sarà in scena fino all’8 marzo a Milano e dal 17 al 22 marzo al Teatro Alfieri di Torino.

Lo spettacolo racconta una storia moderna che tra battute, musica e coreografie, con l’ironia e il sentimento tipici della commedia italiana, affronta temi di scottante attualità come il riconoscimento di famiglie “allargate” omosessuali e non, l’adozione da parte di gay e il concetto di diversità come valore.

In due atti di un’ora ciascuno, interpretata da una splendida e ambigua Lorenza Mario, un inedito Max Cavallari, grillo parlante sotto vere spoglie di gay tutte piume e paiette, Francesco Capodacqua, dolce e inquieto, DIVA - L’amore va in scena si presenta dunque come una commedia musicale capace di far ridere e riflettere allo stesso tempo, parlando al pubblico con il linguaggio della modernità.

Accanto ai protagonisti, personaggi come Principessa Clotilde/Tia Archito, Ugo De Carolis/Roberto D’Alessandro, Filippa/Caterina Gramaglia, Cristian/Fausto Verginelli, Sara/Laura Fiorini, Adrian/Antonio Caggianelli e la piccola Alice/Margherita Rebeggiani, per un cast complessivo di sedici artisti presenti in scena.

Renato Giordano è autore, regista e produttore dello spettacolo. Con una formazione musicale e teatrale, una regia cinematografica al suo attivo, Giordano si cimenta per la prima volta con la commedia musicale.

Vincenzo Incenzo firma le canzoni originali. Scrittore e paroliere, ha creato per quest’opera testi romantici e popolari, che toccano temi delicati come l’adozione, la genitorialità e l’identità di genere.

Le coreografie sono curate da Stefano Bontempi con un gruppo di sette ballerini. I costumi sono realizzati da Lucia Mariani, la scenografia è di Matteo Soltanto.

articolo pubblicato il: 25/02/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it