torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
defiscalizzazione delle erogazioni

a Jesi


L'estensione dell’Art Bonus a sostegno delle attività dei Teatri di tradizione è una buona notizia per Jesi e per la Fondazione Pergolesi Spontini che potrà beneficiare della misura promossa dal Governo per favorire il mecenatismo culturale attraverso la defiscalizzazione delle erogazioni liberali. Con l’amministratore delegato William Graziosi, componente del Consiglio di Presidenza dell’ATIT Associazione Teatri Italiani di Tradizione, la Fondazione è stata tra i promotori dell’iniziativa che ha visto uniti ATIT, AGIS e i sindaci di 25 città d’Italia (tra cui Jesi) e che ha indotto il Ministro Dario Franceschini ad estendere gli sgravi fiscali anche alle donazioni spontanee in denaro destinate ai teatri di tradizione.

Attraverso la nuova campagna dal titolo “Sostieni la Fondazione Pergolesi Spontini”, che sarà lanciata nelle prossime settimane, l’azienda di produzione e servizi culturali per il territorio con sede a Jesi lancia dunque un appello a nuovi mecenati, a partire appunto dalle opportunità introdotte dall’Art Bonus.

L’Art Bonus è un regime fiscale agevolato di natura temporanea in favore di tutti i soggetti, indipendentemente dalla natura e forma giuridica, che effettuano erogazioni liberali in denaro per interventi a favore della cultura e dello spettacolo. Chiunque intenderà sostenere l’attività della Fondazione Pergolesi Spontini, in quanto Teatro di Tradizione, potrà usufruire di importanti sgravi fiscali per tre anni, attraverso un credito di imposta al 65% per gli anni 2014 e 2015 e al 50% per il 2016. Le erogazioni liberali possono riguardare sia il sostegno alle attività della Fondazione (tra cui la produzione lirica che vede nella Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi e nel Festival Pergolesi Spontini le sue punte di eccellenza) sia la realizzazione di nuove strutture, il restauro e potenziamento di quelle esistenti, come ad esempio la riqualificazione dal punto di vista funzionale e conservativo del Teatro Pergolesi con l’abbattimento delle barriere architettoniche e la climatizzazione della sala teatrale.

Il credito di imposta è utilizzabile nel corso di tre anni, mediante la ripartizione in tre quote annuali ciascuna di pari importo. Tra i benefit previsti per il mecenate, oltre gli sgravi fiscali, anche l’inserimento del proprio nome/logo aziendale nell’Albo delle Erogazioni liberali presente nel sito della Fondazione e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Nella campagna 2015 “Sostieni la Fondazione Pergolesi Spontini”, sono previste altre modalità di fund raising. Oltre l’Art Bonus i cittadini, le imprese o soggetti pubblici possono aderire ad iniziative quali: “Diventa sponsor” (ovvero main sponsor, media partner, sponsor tecnico, inserzionista, ecc. in occasione di eventi, stagioni, rassegne e manifestazioni ); “Soci fondatori o partecipanti” per diventare un socio Fondatore Sostenitore, Partecipante Sostenitore e Partecipante Aderente; “Diventa amico della Fondazione Pergolesi Spontini” per vivere un rapporto più diretto e partecipato con il proprio Teatro sostenendone in prima persona le attività; infine il “5X1000” dedicato a tutti i contribuenti per la destinazione della quota del 5 x mille dell’Irpef. Info: www.fondazionepergolesispontini.com

articolo pubblicato il: 22/02/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it