torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Un anatroccolo in cucina"

al Teatro Binario 7 di Monza


Domenica 22 febbraio, alle ore 16.00, al Teatro Binario 7 di Monza ultimo appuntamento con Teatro+Tempo Famiglie 2014/2015, la stagione dedicata ai bambini dai dai 3 agli 8 anni e alle tematiche legate all’alimentazione: Un anatroccolo in cucina della compagnia Eccentrici Dadarò.

Siamo nella cucina di un grande ristorante: il lavapiatti è sommerso dal vapore, da dietro la porta si sentono provenire suoni e risate. È l'inizio di un sogno: il lavapiatti pasticcione vorrebbe essere dall'altra parte della porta e partecipare alla festa, ridendo e cantando con gli altri invitati. Ma pentole, tazzine, piatti e bicchieri non possono aspettare: bisogna restare a lavoro in mezzo alle stoviglie che sembrano avere vita propria. Anche se il lavapiatti combina-guai fa del suo meglio, ogni tentativo è goffo e si trasforma in un tonfo. Allora non resta che credere alle favole e... sognare di fare proprio come quell’ anatroccolo, che una mattina si svegliò e si scoprì cigno. Rievocando l’affascinante atmosfera del cinema comico muto degli anni Venti, raccogliendo la magia della pantomima e della clownerie, sorprendendo con bolle di sapone giganti e bicchieri che suonano, lo spettacolo tratta con note leggere il tema della diversità, reale o immaginata, il bisogno di essere accettati e di far parte di un gruppo. Oggetti quotidiani diventano mezzi magici e fantastici. Il linguaggio non verbale viene usato per raccontare e comunicare temi importanti come il confronto con l’altro diverso da noi, e come ogni giorno si possa perdere o sbagliare, senza smarrire mai l’entusiasmo e il coraggio di rialzarsi e ripartire.

Gli Eccentrici Dadarò nascono nel 1997 da un desiderio di in-stabilità. Stabilità nel tentativo di dare concretezza e continuità a un progetto; in-stabilità nella scelta di mantenere un’assoluta libertà di sperimentazione espressiva, cercando di non assestarsi linguisticamente e stilisticamente su quanto raggiunto in precedenza. Teatro ragazzi, teatro di strada e teatro di prosa sono i campi di indagine sulla comunicazione attraverso il linguaggio del teatro. La compagnia in tutte le produzioni si muove verso una ricerca di equilibrio tra il linguaggio del corpo e quello drammaturgico, cercando di portare fisicità nella parola. Ha partecipato ai maggiori festival italiani e internazionali, ricevendo diversi riconoscimenti tra i quali Premio ETI Stregagatto 2004 come Migliore compagnia italiana emergente, nel 2006 il Premio Eolo con lo spettacolo Per la strada come Miglior spettacolo di teatro ragazzi e nel 2010 hanno vinto il Premio Eolo come Migliore progetto con Lasciateci perdere per la strada. La ricerca nel campo del linguaggio ha inoltre impegnato la compagnia a collaborare con diverse realtà come RAI, Telethon, Telefono Azzurro, Legambiente, Cineteca Italiana, fiere (SMAU). La compagnia collabora dal 2003 con EATC (European Association for Theater Culture) diretta da Jurij Alschitz nella creazione e realizzazione di progetti e produzioni internazionali destinati a promuovere e sviluppare la ricerca e la cultura teatrale. Dal 2004 inizia la collaborazione con la Fondazione Gaber per la diffusione della conoscenza del personaggio e dell’opera di Giorgio Gaber. Da questa esperienza nasce l’impulso ad approfondire il legame tra il linguaggio teatrale e il linguaggio musicale, percorso che prosegue anche nel 2013 con un progetto dedicato ad un altro artista milanese, Enzo Jannacci. La compagnia fonda nel 2009 Arterie Theater Network, rete per la promozione e lo sviluppo di un percorso di Formazione Permanente nell’Arte Teatrale. Analogamente nel 2012 partecipa alla costituzione di CULT - Circuito Urbano Lombardo della Danza e del Teatro in collaborazione con tre associazioni culturali lombarde con lo scopo di coordinare e promuovere festival internazionali di teatro urbano.

Teatro Binario 7 Un anatroccolo in cucina domenica 22 febbraio, ore 16.00 Spettacolo comico senza parole liberamente ispirato a Il brutto anatroccolo di H. C. Andersen scritto e interpretato da Simone Lombardelli regia Dadde Visconti musiche originali Marco Pagani produzione Eccentrici Dadarò Biglietti: adulti € 8, ridotto € 6 (under25, over65), bambini under14 € 4

Per informazioni: Teatro Binario 7 via Filippo Turati 8, Monza tel. 039 2027002 biglietteria@tetrobinario7.it www.teatrobinario7.it

articolo pubblicato il: 14/02/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it