torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Albanaia"

al Teatro Filodrammatici di Milano


Una prima nazionale al Teatro Filodrammatici 27 gennaio / 01 febbraio 2015

Albanaia

Da Albanaia di Augusto Bianchi Rizzi edito da Mursia | drammaturgia Tommaso Amadio e Bruno Fornasari | con Tommaso Amadio e coro ANA Milano diretto dal maestro Massimo Marchesotti | scene, costumi Aurelio Colombo | assistente Chiara Serangeli | mise en espace Bruno Fornasari | produzione Teatro Filodrammatici

“…ho un figlio che appena si regge ai primi passi. Per lui voglio scrivere questo mio diario di guerra intessuto fedelmente sui pochi appunti presi quasi ogni giorno nella Campagna italo-greca (28 ottobre 1940 – 22 aprile 1941), cui io partecipai in qualità di medico di Compagnia alpina.”

Quello che ci ha incuriosito del romanzo di Augusto Bianchi è che si tratta di un’opera a quattro mani un po’ insolita, fatta di grandi ideali e ancor più grandi sentimenti. Augusto scrive il romanzo sulla base dei diari del padre, fascista convinto e medico al fronte durante la guerra d’Albania. Il romanzo è quindi l’intimo incontro tra un figlio e il padre che non ha mai conosciuto, perché il dottor Giovanni Bianchi torna dall’Albania e riparte subito per la Russia, dove sarà dato per disperso, fino alla conferma della sua morte molti anni dopo. Albanaia è la storia di un uomo e delle sue convinzioni, la storia di un medico, Vittorio Bellei, che aderisce con rigore etico e morale al sistema di valori del suo tempo, valori nei quali si riconosce totalmente, tanto da partire volontario per sostenere le truppe alpine nella seconda guerra mondiale.Abbiamo deciso di evidenziare dall’opera di Augusto Bianchi gli aspetti della quotidianità paradossale sul fronte e con Albanaia ci siamo impegnati a raccontare una storia di uomini prima che una storia di eroi.

Per completare il nostro racconto abbiamo perciò voluto che la memoria di quella guerra lontana avesse un eco presente sulla scena, per questo abbiamo chiesto agli Alpini di esserci in carne ed ossa. Grazie alla collaborazione del coro A.N.A. Milano, nello spettacolo canteranno dal vivo 18 alpini che daranno consistenza drammatica e storica al racconto commovente di una delle pagine meno rappresentate della nostra storia passata.
(Tommaso Amadio e Bruno Fornasari)

Augusto Bianchi Rizzi è stato un commediografo, scrittore, attore, e avvocato italiano. Oltre a svolgere l’attività di avvocato specializzato in diritto amministrativo, informatico e dello spettacolo, fin da giovane si esprime nel teatro e nel cabaret, come interprete e drammaturgo. Con il passare degli anni la scrittura diventa sempre più la sua attività preponderante, sia in ambito teatrale che narrativo. Tra i suoi romanzi, oltre ad Albanaia (Ugo Mursia Editore) vi sono Figlio unico di madre vedova, La guerra di Nene (Ugo Mursia Editore) e Tre storie quasi d’amore (Ugo Mursia Editore), testi nei quali l’autore ha raccolto parte della sua biografia. Dal 1990 al 2014 è stato l’animatore del Giovedì, “Piccola area ludico-resistenziale” nel cui ambito si sono svolte svariate iniziative culturali, tra cui – dal 1994 fino al 2006– l’attribuzione del Premio del Giovedì “Marisa Rusconi”. Nel 2012 al Giovedì è stato attribuito l’Ambrogino per i suoi meriti culturali.

Tel. 02.36.72.75.50 biglietteria@teatrofilodrammatici.eu www.teatrofilodrammatici.eu ORARI SPETTACOLI martedì, giovedì, sabato ore 21.00 | mercoledì, venerdì ore 19.30 | domenica ore 16.00 Prezzi. intero 20 euro | convenzionati 16 euro | under 25 13 euro | over 65 10 euro |

articolo pubblicato il: 21/01/2015

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it