torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
L'organo Hauptwerk del Maestro Negri

Lectio Magistralis del Maestro Terni a Roma


Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”

L’organo Hauptwerk del M° Renato Negri

Lectio Magistralis del M° Paolo Terni

Teatro Studio “Eleonora Duse” Via Vittoria, 6 – Roma

Venerdì 19 dicembre alle ore 18 prende avvio un ciclo di ‘lectio magistralis’ del M° Paolo Terni aperte al pubblico. Un’occasione per condividere con la città alcuni di quei preziosi momenti di ‘ascolto’, riflessione ed approfondimento che da anni il M° Terni propone ai giovani allievi attori e registi dell’Accademia .

La ‘lectio magistralis’ inaugurale sarà dedicata all’ascolto di brani eseguiti dal vivo dal M° Renato Negri - grande organista e virtuoso emiliano – su di uno strumento , lo Hauptwerk, che è un organo capace di riprodurre ‘naturalmente’ i suoni naturali, i timbri, il respiro di numerosi grandi organi monumentali europei.

Questa occasione costituirà in particolare anche la prima presentazione a Roma del prodigioso strumento recentemente inventato, messo a punto in Germania e introdotto da poco tempo nel nostro Paese proprio grazie al lavoro del M° Negri che, in questa occasione, sarà graditissimo ospite dell’Accademia, in dialogo con il M° Paolo Terni.

Spiega il M° Negri : “Fino a qualche anno fa, un organo elettronico era considerato , dagli esperti ma anche dai semplici appassionati, un bruttissimo ed improbabile surrogato del “Re degli strumenti”. Ora una nuova , inaspettata e strabiliante tecnologia riesce a garantire una fedeltà, veramente impressionante, rispetto a uno strumento originale. Una biblioteca con gli organi più belli e famosi del mondo, con la quale poter suonare e ‘scoprire’ , in qualsiasi luogo, ciascuno di questi strumenti e con la quale poter studiare ed eseguire i brani della letteratura organistica sullo strumento più appropriato: questa è probabilmente la migliore descrizione in sintesi del progetto “Hauptwerk”, questo nuovo organo elettronico.

All’atto pratico , il sistema “Hauptwerk” permette di poter suonare ‘copie virtuali’, ad altissima qualità, di numerosissimi organi di tutte le epoche e di tutte le scuole. L’impressione sonora è identica a quella che si ottiene ascoltando un’eccellente registrazione audio: ogni suono è riprodotto con la massima fedeltà, compresi pregi e difetti dell’originale, rumori meccanici di trasmissione, ventilatori e mantici, acustica ambientale. Tutto è riprodotto in modo da fornire un autentico documento sonoro interattivo. Si tratta dunque, innanzitutto, di un grandiosa operazione culturale che permette a chiunque , anche e soprattutto a chi non ha la possibilità di recarsi fisicamente presso gli organi originali, di poter eseguire le composizioni preferite sullo strumento più adatto, ad un costo decisamente sostenibile, sicuramente più economico di uno strumento digitale tradizionale. Con questo strumento, facilmente trasportabile, vorrei iniziare un’attività didattica e divulgativa, ad esempio nelle scuole, cercando di sensibilizzare persone che vorrebbero avvicinarsi allo strumento ma sono frenate da luoghi spesso di difficile accesso quali sono le cantorie delle chiese.”

A causa del limitato numero di posti è obbligatoria la prenotazione esclusivamente al n. 366 6815543 a partire da lunedì 15 dicembre 2014 (ore 10.30-13 e 14-16)

articolo pubblicato il: 15/12/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it