torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
Nudo proprietario

al Teatro Ghione di Roma


Ghione Produzione presenta Rodolfo Laganà in

Nudo proprietario

di Rodolfo Laganà, Paola Tiziana Cruciani, Gianni Quinto con Gianni Quinto scene Alida Cappellini e Giovanni Licheri musiche Andrea Tosi la canzone Nudo proprietario è di Roberto Giglio

Rodolfo Laganà dopo il cinema, la televisione e il teatro va sempre a cena fuori. Da lì nasce l'idea del suo nuovo show, Nudo Proprietario. "Dopo cinque anni di assenza sentivo il bisogno di ritornare alla forma artistica che mi ha sempre caratterizzato: il one man show". Tutti gli uomini desiderano sempre avere un'età diversa da quella che hanno: da bambini vogliono diventare grandi, da adulti non vedono l'ora di andare in pensione (se mai ci andranno), da pensionati di nuovo bambini. Perché? Nessuno vuole fare mai i conti con l'età che ha. "Ho cinquantasette anni e non me ne pento. Ma dall'alto di quel single scaduto che sono, posso dirvi questo: l'età cambia il carattere. Infatti prima al computer usavo il 12, ora se non metto minimo il 24 vedo solo una macchia nera". Si, è vero gli anni che passano, possono all'apparenza far perdere smalto, memoria, lucidità. Ma proprio perché uno perde tutto, si ritrova finalmente ad essere il padrone indiscusso della propria vita, e tutto gli sarà giustificato. "Il tempo passa, il problema è che il tempo passa e nun se ne va. Resta tutto lì e te lo senti addosso, e manco puoi fare finta di non sentirlo, perché il tempo che passa, avoja se lo senti".

Da questa considerazione parte una divertente e surreale analisi sulle varie tappe dell'età, e se è vero che il tempo passa per tutti, tutti si sentiranno partecipi di questo viaggio. "Prendiamo per esempio le delusioni d'amore: a vent'anni gli amici di portano a ballare per distrarti, a trenta vengono a casa tua per consolarti, a quaranta ti danno l'indirizzo di un avvocato buono, a cinquanta.. sei tu che dai l'indirizzo dell'avvocato buono a un altro". Tutti vorrebbero essere proprietari della propria vita, e molti si illudono di esserlo, ma allo stato attuale nessuno lo è. La nostra vita appartiene a tutti, stato, banche, istituti di credito, assicurazioni, tranne che a noi. Sarà per questo che col passare degli anni raggiungi la consapevolezza che la vera felicità consiste nel non possedere nulla. "Se per esempio a trent'anni un uomo compra casa, per i successivi quaranta dovrà solo pagare mutuo, ici, tares, e tasse. A settanta anni, quando finalmente pensa di essere il proprietario di quella casa, la prima cosa che farà è andare dal notaio per decidere a chi la deve lasciare".

In questo misto di comicità, momenti surreali, romanticismo e tanta musica non saranno risparmiati altri importanti argomenti come il sesso, la politica, la religione, il sogno, e inevitabilmente lei: Roma.

Teatro Ghione di Roma Dal 4 al 21 dicembre Via delle Fornaci, 37, 00165 Roma Telefono:06 637 2294 Dal giovedì al sabato ore 21,00 Domenica ore 17,00, lunedì 8 dicembre ore 18,00 Prezzi da 28 a 18 euro compresa la prevendita

articolo pubblicato il: 02/12/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it