torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Donne e Mafia"

al Teatro Due di Roma


Teatro Due Roma teatro stabile d’essai ospita

Donne e Mafia

Di e con Simonetta De Nichilo D

opo il successo di pubblico e critica conseguito durante la rassegna Sguardi S-Velati 2013, torna in scena, dal 4 al 9 novembre, al Teatro Due Roma Donne e Mafia. Lo spettacolo, per il suo elevato valore civile, ha conseguito il Premio del Festival Antimafie e Diritti Umani DIRITTINSCENA Roma 2013.

Tra echi di sonorità arcaiche e tragiche, prendono corpo e voce sette figure femminili che hanno, nonostante i lutti e l'omertà, hanno scardinato il potere mafioso: la vedova dell'agente Schifani, la giovane Rita Atria, la figlia di Borsellino e poi ancora Saveria Antiochia, madre di un poliziotto trucidato e le testimoni di giustizia Michela Buscemi e Maria Concetta Cacciola. Donne di famiglie criminali che paga il loro coraggio con la vita e donne che raccolgono il testimone dai loro cari vittime della mafia per amore di legalità e giustizia. Voci di figure femminili che, attraverso il racconto delle loro vite eroiche, ci trasportano in un viaggio nel tempo e nei luoghi che hanno visto la nascita e lo sviluppo del fenomeno mafioso. Donne che con la vita hanno lottato per la legalità come sinonimo di libertà. Esempio maturo di azione scenica che diventa azione e impegno sociale, perché la scena diventi luogo di riflessione e di consapevolezza civica.

4 | 9 NOVEMBRE DONNE E MAFIA Scritto e diretto da Simonetta De Nichilo Con Chiara Carpentieri, Simonetta De Nichilo, Anna Rita Gullaci, Tiziana Santercole, Silvia Scotto, Chiara Spoletini e Roberta Sciortino Prodotto da CREATIVAMENTE associazione culturale

Teatro Due Roma teatro stabile d'essai Vicolo due Macelli, 37 (M Piazza di Spagna) Tel. 06/6788.259 – fax 06/6793.349 www.teatrodueroma.it

articolo pubblicato il: 28/10/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it