torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"MateriaMutata"

a Roma


MateriaMutata

Al confine tra design e scultura presentazione dei lavori di CONSUELO IENCENELLI CAROLINA OLCESE MARA VAN WEES

Dal 15 al 19 ottobre 2014 Vernissage: mercoledì 15 e giovedì 16* ottobre 2014 dalle 18.00 alle 22.00 Orari: venerdì 17 ottobre, dalle 18.00 alle 22.00 Sabato 18 ottobre e domenica 19 ottobre, dalle 12.00 alle 20.00 Mostra a cura di Viviana Quattrini Galleria il Laboratorio - Via del Moro 49 – 00158 Roma * Partnership con la galleria RvB Arts - (Via delle Zoccolette 28, via Giulia 193) che nella stessa giornata del 16 ottobre, dalle 18 alle 22.30, inaugura con la mostra Encounters la bi-personale di Alessio Deli e Francesco Spirito, organizzata e curata da Michele von Büren.

Giovedì 16 ottobre è quindi un’occasione per visitare le due mostre, grazie alla vicinanza delle tre sedi: MateriaMutata: Galleria il Laboratorio, via del Moro 49 Encounters: RvB Arts, via delle Zoccolette 28 e via Giulia 193

MateriaMutata è una mostra che propone oggetti-scultura realizzati da tre donne makers. Maker è un termine che nasce, in un contesto in cui si parla di diverse specializzazioni, per indicare la nuova figura che unisce l’artista con il designer. Inteso nell’accezione di un ritorno alla tradizione delle arti applicate, trova le sue origini alla fine del XIX secolo con l’Arts and Crafts inglese. Il Maker, quindi, si confronta a pieno titolo con le varie fasi della realizzazione dell’oggetto ad uso quotidiano con il risultato dell’unicità e novità formali. Quello che unisce la Iencenelli, la Olcese e la van Wees è un progetto di qualità con una forte componente collaborativa che mette insieme, nell'oggetto prodotto, soluzioni estetiche coerenti alle diverse necessità funzionali. La materia componente principale dei loro lavori, attraverso la personale visione muta aspetto a seconda delle caratteristiche proprie e, nei casi specifici, delle condizioni esterne in cui viene trovata.

CONSUELO IENCENELLI, nata a Roma, si forma nel campo della moda divenendo curatrice di produzioni di abbigliamento all'estero. Dopo gli studi in Svizzera e poi alla Cattolica di Roma come ergoterapista, promuove tale disciplina in Italia implementandola con l’attività di ricercatrice indipendente di cibernetica. Iencenelli maker nasce da questo trait-d’union tra moda, ambiente terapeutico e tecnologia. Queste sue competenze prendono forma concreta dalla sua frequentazione con diverse realtà artistiche all'interno di una cellula come l'ex Lanificio. Lavorando con i più diversi materiali, attraverso la luce, realizza oggetti-scultura che si inseriscono nell’ambiente creando, a seconda dei casi, atmosfere particolari.

CAROLINA OLCESE, costumista di cinema e teatro inizia a realizzare i suoi oggetti-scultura attraverso la manipolazione di materiale edilizio di recupero. L'idea finale di uso è di primaria importanza nel suo lavoro. Olcese maker uscendo da una realtà come quella del cinema, dove esiste un’inscindibile unione tra oggetto ed azione, sente la necessità di creare delle basi multi-funzione che si adattano a svariate esigenze. Il materiale di recupero (principalmente quercia recuperata dallo smantellamento di antichi tetti e ferro) è per lei spunto indispensabile alla realizzazione di sedute, tavoli o creazioni a più bracci dove appendere le più varie cose (da asciugamani e capi di abbigliamento a chiavi, tazze, mestoli).

MARA VAN WEES, nata in Olanda, studia all'Accademia di Belle Arti di Rotterdam dove sviluppa i suoi primi interessi nel campo della ceramica. In seguito lavora sia in Italia che in Olanda nel teatro, nella moda e nel design. Attualmente vive e lavora per la maggior parte dell'anno in Maremma dove da una decina di anni si dedica all'attività di ceramista-scultrice. Van Wees maker crea con l'argilla forme che si tramutano in piatti, vasi e sculture svincolate da particolari esigenze funzionali e dove è invece l’estetica a prevalere. Filo conduttore del suo lavoro è l’opera in bilico: prossima a cadere o a continuare il movimento. Dal 2013 inizia a lavorare sul tema delle "Stairway", sculture che proprio come scale giocano sull'idea di instabilità.

Galleria il Laboratorio - Via del Moro 49 – 00158 Roma Mara van Wees – Cell. 347.5960329

articolo pubblicato il: 13/10/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it