torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
Castello del Buonconsiglio Trento

"comodaMENTEinMUSEO"

di Sergio Gigliati

comodaMENTE inMUSEO AL CASTELLO DEL BUONCONSIGLIO
Da mercoledì 1 ottobre al via gli incontri per scoprire il genio pittorico di Dosso Dossi con gli
appuntamenti dedicati ad una fruizione lenta e rilassata del museo.
Tutti i mercoledì di ottobre alle ore 17.30 i Servizi Educativi del Museo proporranno l’iniziativa comodaMENTEinMUSEO, attività rivolta ad un pubblico che ama una fruizione gradevole e rilassata del museo stesso (slow museum), con possibilità di conoscere e approfondire la pittura di Dosso Dossi in maniera piacevole in una sorta di “stare bene al museo”. Si inizierà mercoledì 1 ottobre con l’incontro “Spensierate vaghezze”, dove Francesca Jurman svelerà gli accenti poetici e prosaici che si confondono e si intrecciano magistralmente nel dipinto giovanile intitolato “Il bagno” di Dosso: una sorta di manifesto della sua opera, sempre originale ed eccentrica, in cui si rivelano cromatismi e “arcadiche” atmosfere venete, contaminazioni classicheggianti, un’appassionante e prorompente propensione per il paesaggio e il naturalismo.
Mercoledì 8 ottobre Chiara Facchin parlerà invece della Passione d'amore raccontata nel dipinto che rappresenta il mito di Apollo e Dafne, quadro probabilmente commissionato dallo stesso duca Alfonso I d'Este per la propria amata. L'artista riesce a sorprendere con una particolarissima scelta narrativa, mentre riecheggia nel linguaggio figurativo il nuovo interesse per la cultura artistica romana, con un accento allo stesso tempo raffaellesco e antiquario. Colpiti dal forte trasporto emotivo delle figure si riscoprono i drammatici risvolti di un amore mitico, che non finirà mai di affascinare e l'eccentricità di un'artista che riesce sempre a stupire.
Mercoledì 15 ottobre Lia Camerlengo svelerà, nel suo intervento La dea con l’orecchino di perla, i segreti degli affreschi realizzati dal pittore ferrarese nell’Andito della Cappella. Nel 1531 Dosso è a Trento, convocato dal principe vescovo Bernardo Cles per definire il programma decorativo del Magno Palazzo e affrescare alcuni ambienti. A Trento, dove opera con il fratello Battista, la sua pittura è ormai matura, pienamente moderna, segnata da continue rievocazioni di modelli classici e da costanti riferimenti, letterari e figurativi, al mondo antico: aspetti pienamente apprezzabili nell’andito a la chapela, ingresso ufficiale alla dimora clesiana.
Mercoledì 22 ottobre Francesca de Gramatica parlerà di NATURALmente Dosso! Nei dipinti realizzati per il nuovo appartamento privato in via Coperta del duca Alfonso d’Este, Dosso esibisce una originale e incisiva forza naturalistica, nel tratteggiare personaggi indagati con spiccata attenzione fisionomica e introspettiva e nel raffigurare dettagliate e sorprendenti nature morte, quasi anticipando gli alti esiti caravaggeschi. Infine mercoledì 29 ottobre Francesca Raffaelli parlerà del dipingere ad arte con un percorso negli ambienti del Magno Palazzo per indagare la tecnica pittorica di Dosso Dossi, nelle opere a fresco e nei dipinti a olio: i pigmenti utilizzati, le procedure tecniche, l’originale ed eccentrico modus operandi. Tariffa: 2,00 € a persona

Castello del Buonconsiglio - monumenti e collezioni provinciali
Via B. Clesio, 5
38121 Trento
Tel. 0461 492803 - 492846
Fax 0461239497
www.buonconsiglio.it

articolo pubblicato il: 30/09/2014 ultima modifica: 02/10/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it