torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Nottenera 2014"

a Serra de' Conti


Importanti presenze della drammaturgia contemporanea a “Nottenera 2014”, l’ottava edizione del festival di teatro, musica, cinema, arti visive, laboratori e scienze che si terrà a Serra de’ Conti sabato 23 agosto, dal tramonto e fino alle 4.00 del mattino, con l’organizzazione del Comune di Serra de’ Conti e dall’associazione “Nottenera” sotto la direzione artistica di Sabrina Maggiori.

Nella cittadina medievale e tra le sue colline, per una notte l’illuminazione pubblica si spegne e sono le minuscole lucine a led a rischiarare i percorsi del pubblico tra gli oltre 30 eventi che artisti internazionali e giovani talenti del territorio hanno costruito intorno al tema dell’edizione 2014: l’Invisibile. Tra le proposte della kermesse, sempre più apprezzata da un pubblico nazionale attento alle tendenze della scena contemporanea, è una ricca sezione dedicata alle arti sceniche con sette spettacoli in numerose repliche dalle ore 19 alle ore 3.

Alle ore 23 al Belvedere in una sola recita, Nottenera 2014 abbraccia la radicalità dei Quotidiana.com in prima regionale con “L'Anarchico non è fotogenico”, primo capitolo della Trilogia “Tutto è bene quel che finisce” dedicata alla “buona morte” intesa come fine o accelerazione di una fine certa. Lo spettacolo – spiega la compagnia riminese – è "una sofisticata clownerie intellettuale, un gioco verbale alle soglie dell'assurdo”, legato alle eutanasie negate della politica, della bio-politica e della cultura, in cui si intravedono “tutta una serie di situazioni e figure agonizzanti tenute in vita dalla convenienza, dal compromesso, dal conformismo fine a se stesso”. Roberto Scappin e Paola Vannoni nei panni di due cow-boy, poi improbabili danzatori, si affrontano in una partitura dialettico-gestuale dall’efficacia penetrante, incisiva, politica, sollecitando un intelletto disobbediente e operativo, complice un testo che passo dopo passo si oppone all’opinione comune e alle mistificazioni del buon senso.

Dopo aver suscitato un grandissimo interesse nell’edizione 2013, torna a Nottenera 2014 la compagnia romana LeVieDelFool con “Luna Park. Do you want a cracker?”, di e con Simone Perinelli con l’aiuto regia e consulenza artistica Isabella Rotolo, in prima regionale alle ore 21.30 e 24.15 al Belvedere. Struttura teatrale libera e autonoma, la compagnia affronta l’ultimo capitolo della “Trilogia dell’essere” (dopo “Requiem For Pinocchio” e “Macaron R-Esistenza”), e indagando i meandri dell’esistenza si lascia guidare dall'antieroe per eccellenza: Don Chisciotte. In uno spazio sospeso e nell’arco di una notte, contro una realtà fredda ed ormai estranea, Don Chisciotte è l’idealista perennemente sospeso e in bilico tra il mondo dell'esperienza spirituale e quello dell’esperienza sensibile, del mondo concreto e dell’apparenza ingannevole, della poesia e dello sgomento.

Ai Giardini del Museo, in due repliche, alle ore 21,45 e ore 24, va in scena lo spettacolo vincitore di Premio Scenario 2013 e Premio Hystrio 2014, “Mio figlio era come un padre per me” di e con Marta e Diego Dalla Via. Con ironia e cinismo, la performance affronta il tema del conflitto generazionale e la tragica questione del suicidio, come scelta estrema compiuta da innumerevoli imprenditori colpiti da crisi economica. Raccontando la storia di una ricca famiglia del nord est italiano si traccia una sorta di cupa parabola in cui due fratelli - che sono fratelli anche nella vita, Marta e Diego Dalla Via - architettano l’omicidio dei genitori. Ma “uccidere i propri padri” sembra un atto impossibile dal momento che questi hanno deciso di farla finita, lasciando in eredità assenza di futuro e consumo del passato. Una vicenda estrema, in cui il senso di colpa tra le generazioni pare innescare un processo autodistruttivo che lascia poche vie di fuga.

Nella sezione delle arti sceniche, sono inoltre la prima nazionale “Inbox” di Soralino (circo contemporaneo), neonata compagnia internazionale, in residenza a Serra de’ Conti, costituita da un talento del territorio (Caio Sorana, giocoliere) e dal francese Clement Malin (equilibrista). Sarà presentato anche “Zac. Prima che il gallo canti” di Panedentiteatro / Il Laborincolo / Simone Guerro, studio per spettacolo di attore e figura per bambini e famiglie nato dall’incontro dei due vincitori del premio Eolo Awards 2013: Simone Guerro miglior progetto educativo e Marco Lucci miglior spettacolo di teatro di figura. La danza sarà proposta con “Iperrealismi” da Helen Cerina, ultima creazione della giovane coreografa che collabora da anni con Nottenera, reduce da una importante esperienza formativa alla Biennale di Venezia Danza sotto la direzione di Virgilio Sieni, mentre la performance in scatola per un solo spettatore alla volta “Sette Topi” di Enrico Marconi e Aron Carlocchia, propone una modalità più intima di relazione tra l’attore e il pubblico. Per “Nottenera 2014” è attivo un servizio Bus Navetta gratuito dalle ore 19 a chiusura con partenza da Via Oreste Merli (zona artigianale di Serra de’ Conti). Ingresso Unico: 5 € Ingresso Gratuito fino a 12 anni compiuti In caso di pioggia, sarà assicurata una programmazione ridotta utilizzando spazi al coperto. Aggiornamenti in tempo reale sulla pagina facebook Nottenera

articolo pubblicato il: 20/08/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it