torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
festival nel festival

si conclude la ventunesima edizione di Civitanova Danza


Sabato 9 agosto una vera e propria festa della danza, un festival nel festival, una full immersion in quest’arte così affascinante che “va ad abitare” tutti i teatri della città conclude la ventunesima edizione del festival internazionale Civitanova Danza, promosso da Comune di Civitanova Marche, Teatri di Civitanova, AMAT in collaborazione con Camera di Commercio di Macerata, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Marche e Provincia di Macerata e con il sostegno di Banca Marche, Gleam bijoux di Zamir Diana (main sponsor), Hotel Miramare e Peugeot Autoclub Marche.

L’inizio di questa imperdibile e curiosa maratona dove la danza è la protagonista ineguagliabile è alle ore 16.30 all’Hotel Miramare con Civitanova Danza Focus incontro sul tema Danzare il pubblico. L’audience development è ormai una dicitura all’ordine del giorno: dai programmi europei per il sostegno alla cultura ai community project, il pubblico è al centro di numerosi tentativi di ridurre la distanza tra scena e platea. Quali elementi concorrono ad intensificare oppure allentare questo rapporto nel contesto della danza soprattutto contemporanea? Alessandro Pontremoli (intellettuale e docente presso il DAMS di Torino), Nicholas Minns (danzatore e critico), Ambra Senatore (danzatrice e coreografa) offriranno tre ‘sguardi’ sul tema del coinvolgimento del “pubblico della danza” nel mondo creativo. Conduce Gilberto Santini.

A seguire alle ore 19 il piazzale antistante Lido Cluana ospita Happydancehour! a cura delle scuole di danza della città, Accademia Di Danza Swanilda, Asd Laboratorio Danza Duepuntozero, Centro Culturale Del Balletto, Centro Danza Caterina Ricci, Effort Spazio Danza, Marvellous Dance, Nura Danza, Oregon Tape Crew. La serata prosegue al Teatro Cecchetti dove alle 20.30 è in scena la prima italiana di We love Arabs del coreografo israeliano Hillel Kogan. Possono gli Arabi essere parte della danza contemporanea israeliana? Dove posso trovare un danzatore arabo? Da questa domanda nasce l’incontro tra un coreografo ebreo, Hillel Kogan, e un danzatore arabo, Adi Boutrous, desiderosi di creare una danza intorno all’identità religiosa, alla condivisione dello spazio, alla collaborazione, a simboli nazionali e miti sociali. Lo spettacolo, premiato dai critici israeliani di danza con l’Outstanding Creator of 2013, è un lavoro completamente calato nel quotidiano, dove il pubblico viene invitato a guardarsi allo specchio.

La “maratona di danza” prosegue al Teatro Rossini con la prima italiana di Forgot to love nato dalla collaborazione tra i coreografi olandesi Uri Ivgi e Johan Greben per i danzatori di Provincial Dances Theatre. La lotta umana nella ricerca dell’amore è il tema centrale dello spettacolo, un pezzo di desiderio e solitudine messo in scena da dieci ballerini che attanagliano il palcoscenico con energia dirompente.

Chiude la serata alle Teatro Annibal Caro (ore 23.15) il marchigiano-olandese Giulio D’Anna, artista che aderisce alla piattaforma Matilde della nuova scena marchigiana promossa da Regione Marche e AMAT, originario di San Benedetto del Tronto ed arrivato ad essere uno degli artisti internazionali più richiesti. “Nel campo dei fiori freschi e avvizziti della coroegrafia non solo italiana, è spuntato un germoglio di talento – scriveva lo scorso agosto Marinnella Guatterini sulle pagine di “Il Sole 24 Ore” all’indomani del debutto di O O O O O O O O a Civitanova Danza -, e c’è da gioirne. Si tratta del marchigiano Giulio D’Anna: un curriculum di tutto rispetto, costruito soprattutto all’estero, e una serie di lavori premiati nei Paesi Bassi, ma anche in Italia.” Al festival presenta Cantiere aperto per R_ESISTERE, un dance-concert sul tema della resistenza politica, emotiva e fisica, in cui cinque straordinari performer si fondono e confondono all’interno della danza e della musica.

Carnet per seguire i tre spettacoli (Civitanova Danza Focus e Happydancehour! ingresso gratuito) 25 euro ridotto 18 euro. Biglietti per i singoli spettacoli da 6 a 15 euro. Info e prenotazioni Teatro Rossini 0733 812936. Bus navetta gratuito per Civitanova Alta (A/R), partenza da piazza XX Settembre alle ore 22.45 (prenotazione consigliata al n 346 0956050).

articolo pubblicato il: 06/08/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it