torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Confessioni di un burattino senza fili" e "Altrokesuperman"

al Teatro dei Conciatori di Roma


Teatro dei Conciatori Contemporary Urban Theatre Lunedì 7 e martedì 8 luglio ore 21,00

CONFESSIONI DI UN BURATTINO SENZA FILI Mercoledì 9 luglio ore 21,00 - prima nazionale

#ALTROKESUPERMAN di LUCA GAETA & SALVATORE RANCATORE elaborazioni musicali FEFO FORCONI (Almamegretta) con Salvatore Rancatore e Fefo Forconi regia Luca Gaeta Foto Angeles Parrinello Organizzazione Lidia Varsalona e Paolo Longo Grafica Carlo Vignapiano Disegni Mathieu Vignon

Dopo il successo di Confessioni di un burattino senza fili della scorsa stagione, Luca Gaeta e Salvatore Rancatore presentano in prima nazionale il secondo capitolo di una trilogia sulla vita, le avventure e le disavventure di un attore qualunque: #ALTROKESUPERMAN. Entrambi gli spettacoli saranno ospitati dal Teatro dei Conciatori: Lunedì 7 e martedì 8 luglio ore 21,00 si alzerà il sipario per CONFESSIONI DI UN BURATTINO SENZA FILI, mentre mercoledì 9 luglio ore 21,00 i prima nazionale debutterà #ALTROKESUPERMAN

CONFESSIONI DI UN BURATTINO SENZA FILI Un attore in scena. Una confessione. Una chitarra e un musicista. La vita dell'artista e dell'attore diventa un'avventura, diversa e parallela a quella di Pinocchio che viene preso come pretesto archetipico di chi “lasciandosi vivere” approda in una fase della vita ad una trasformazione. Lasciare una vita per vivere un'altra, uccidere una vita e rinascere. Questo porterà alla confessione di un duplice peccato: vivere e sognare. Come un funambolo sospeso tra due grattacieli, l’attore prende per mano lo spettatore e lo porta, col sorriso, sul filo. Scegliere di sublimare la vita normale, essere una luce che disegna nel buio, scegliere di vivere senza fili fino al punto estremo in cui s’incrociano gli errori, perché in questa storia tutto è come non dovrebbe essere.

#ALTROKESUPERMAN Licenziato dalla "LEGA DEI SUPEREROI" Supertumbp, supereroe sul lastrico, è costretto, per sbarcare il lunario, a inventarsi animatore di sagre, feste, battesimi, comunioni, matrimoni, compleanni, convinto che da sempre mantenere orizzonti ampi è la prima forma di resistenza. In qualità di essere "extra-ordinario", il supereroe grida la sconfitta della società al cospetto di qualsiasi forma di diversità, spesso intesa come ostacolo all'essere accettati in una collettività. Lo spazio teatrale è pensato come una "sala hobby" nella quale la divisione tra palcoscenico e platea e' pressoché irrealizzabile e dove la "quarta parete" viene messa in crisi sin dall'entrata del pubblico. Lo spettatore viene come preso per mano e portato a scoprire che tutte le cose esistono per diventare "entusiasmo"; e per ogni cosa c'è un numero di entusiasmi possibili ma solo uno adatto al momento di quella cosa: si tratta solo di mettersi a scegliere. L'entusiasmo diventa così quel super-potere da usare contro il silenzio della società. Una favola della vita e del vivere, intima e senza filtri, questo è l'unico effetto speciale dello spettacolo. Il monologo è un parallelismo tra la vita "straordinaria" dell'artista che come un SUPERMAN inventa nuove regole: usare un sipario per volare e arrivare al cuore delle persone, stabilire che il palco è il cielo, che le parole sono il volo, le stelle gli occhi degli spettatori e i cuori accesi la vittoria definitiva sul male. CAST E NOTE BIOGRAFICHE:

SALVATORE RANCATORE ha lavorato con la compagnia Lavia, Tullio Solenghi, Mariano Rigillo, Simona Marchini e Romina Mondello. E’ stato protagonista di numerose produzioni del festival internazionale Settimana Pirandelliana. Ha recitato a Londra nel ruolo di Anselmo Paleari in The late Mattia Pascal, versione inglese del romanzo Pirandelliano, in seguito al quale è stato selezionato dalla Royal Shakespeare per interpretare Caliban in The tempest. Al cinema è stato diretto da Giuseppe Tornatore in Baaria.

FEFO FORCONI è attualmente chitarrista e compositore degli Almamegretta. Ha lavorato nel panorama pop-rock italiano e internazionale con: Max Gazzè, Piero Pelù, Malfunk, Delta V, Ziggie Marley e Massive Attack. Dal 2010 ha preso parte a numerose produzioni teatrali come compositore di musiche originali.

LUCA GAETA si è formato come regista al fianco di Matteo Tarasco. Ha lavorato con Mariano Rigillo, Laura Lattuada, Simona Marchini, Romina Mondello. Ha ideato, scritto e diretto: Hamletophelia, Dentro Marilyn, Shakespeare's Tales, e il format Le Dissolute Assolte (ovvero le donne del Don Giovanni), richiesto in numerosi festival europei. Di recente ha diretto lo spettacolo Cuori di donne con Tosca D'Aquino.

TEATRO DEI CONCIATORI - Contemporary Urban Theatre Via dei conciatori, 5 – 00154 ROMA Tel. 06.45448982 – 06.45470031 - info@teatrodeiconciatori.it Direzione Artistica: Antonio Serrano – Gianna Paola Scaffidi

Costo biglietti: intero 18 euro, ridotto 13 euro; tessera associativa 2 euro. Orario spettacoli: lunedì, martedì, mercoledì venerdì e sabato ore 21,00 – giovedì e domenica ore 18,00 Riduzioni per gli studenti universitari, gli over 65, tutti coloro che si presentano in teatro come lettori di Saltinaria.it, Teatro Italiano. Il Teatro ha il patrocinio gratuito del Municipio VIII (ex XI)

articolo pubblicato il: 04/07/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it