torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

elzevirino
il Grillo non frinisce più
di C. S.

Il grillo frinisce, ma Grillo, per tanti elettori di centrodestra, ha finito di frinire come una sirena. Questo è successo anche per due motivi.

Il primo è che i deputati del M5s si sono presentati, quando è stato loro possibile di presentarsi in qualche modo, data la ferrea disciplina del Movimento, o con le facce da post democristiani di Crimi e di Di Battista o con l’aria di gente che con l’elezione al Parlamento ha vinto il terno al Lotto della propria vita (evitiamo di citarli, tanto sono sotto gli occhi di tutti).

Il secondo è che non si possono prendere a man bassa voti a destra e poi fare la battaglia sulla No TAV. Al di là delle analisi sociologiche e dei sondaggi, ai quali ormai nessuno crede più, la disaffezione della destra per Grillo ognuno di noi, nel suo modesto vicinato, poteva verificarla. Tanta gente tradizionalmente di destra che aveva votato M5s ha nei giorni scorsi dichiarato agli amici che non l’avrebbe più fatto. Questo è e non ci sono altre ragioni, visti i risultati.

Sulla TAV le opinioni, a destra come a sinistra, sono discordanti; c’è chi dice che tutto ciò che si muove costituisca fattore di sviluppo a prescindere e che quindi la TAV rappresenti un volano economico e chi afferma che non si capisce perché il treno che da Lisbona deve andare all’Est debba deviare per Lione perché così volle Mitterrand e debba passare per Torino perché così volle Re Gianni, quando, invece, poteva benissimo transitare lungo la direttrice Nizza-Ventimiglia.

Quello che molti elettori di centrodestra non hanno sopportato è che il M5s si sia accodato, nella sua battaglia contro la TAV, ai movimenti cosiddetti alternativi che nel Paese rappresentano una posizione ampiamente minoritaria e che talvolta sono capeggiati da tipi che ancora non hanno capito che certe battaglie le hanno fatte nel ’68, quando avevano diciotto anni se non diversi di più e che ora è giunto il tempo di godersi la pensione sociale, sia pur modesta.

articolo pubblicato il: 26/05/2014 ultima modifica: 10/06/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it