torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Ulysses part two"

al Teatro Vascello di Roma


23 - 24 - 25 MAGGIO venerdì e sabato h 21 domenica h 18

Ulysses part two from J. Joyce

Sovrapposizioni / un progetto sul linguaggio Ideazione coordinamento e regia Quinto Fabriziani monologhi/ frammenti, voci / cori / sembianze venti / deserti / resti / città. corpi e figure da un apocalisse quotidiano

Lo spettacolo si muove sulla tripartizione della spazio, del segno, della parola sul luogo delle assenze. La visione creatrice dell' Ulysses di Joyce attraversa ogni riferimento al moderno che nello spettacolo prende sovente le sembianze, tra metafora e metonimia del percorso attuale dello stesso protagonista di Ulysses. Ma l'uomo è cambiato, il mondo si muove molto più rapidamente, confusamente, e la percezione della città è molto più di un accenno a piccoli rivolgimenti a incorrette tragedie. Ma tutto passa da un evento a una festa al dramma dei passaggi del movimento della gente senza meta tra resti estesi di ciò che è stato l'occidente e il sovrabbondare dei rifiuti. La visione della cosa si nega tra oggetti, seduzioni, osceno e virtuale. Inoltre rotolando nel caos, l'uomo, l'inesperto, si declassa, divenendo continuamente altro intravedendo talora la fine tra giudizio e destino. Già nell'Ulysses di Joyce le parole sono puri significanti e il senso è quello di una perdita, un gioco verso la rovina; e il giovane Stephen riflette già sulla propria condizione di artista in fuga, dalla patria dalla propria storia, e già in crisi. Da queste premesse la messa in scena si basa su testi giustapposti tra riso e grottesco; il gioco e il viaggio, quelli di Joyce, e altri testi poetici che riecheggiano il tragico contemporaneo, il poeta tragico nella condizione del vivente, della città, della storia; per cui il sovrapporsi di voci, di lingue di visioni, non sono altro che un rintracciare il diagramma, la struttura, il senso dello stesso Ulysses, vacillante naufrago sempre proteso a noi. Questo è nella nostra proposta di un'opera come affresco visivo e sonoro, una rappresentazione già erosa, decaduta con larghe parti mancanti; il percorrere luoghi dello spettacolo, sono deserti, cretti, città, apocalissi, giudizi, le derive dell'uomo, con una particolare evidenziazione su ciò che la poesia può contrapporre al defluire del linguaggio e della parola nei rivoli di una quotidianità, di una banalizzazione della comunicazione, della scrittura, nei margini della metropoli, le periferie stesse del desiderio.

Ecco il piccolo materiale che potrà colpire lo spettatore, in termini assolutamente innovativi: nella parte visiva, con una scenografia reale e virtuale, che stravolge la normale prospettiva con una moltiplicazione di fughe e di estensioni sensoriali, di proposte di luoghi statici e dinamici, e non solo in paesaggi di interni ed esterni, altresì con luoghi della figura umana e del disumano. Così la parte sonora ed acustica che su sette sorgenti sonore divise (sourround 7.1) spazializza voci, suoni, musica e lo spazio medesimo rendendo scrittura drammaturgica la stessa scenografia e i luoghi del sonoro.

Il Progetto Ulysses di cui lo spettacolo "ULYSSES PART TWO" è, appunto, il secondo passo di un articolato progetto sul linguaggio, interseca, giustappone e confronta le scritture e le voci poetiche, derive lontane delle cose molteplici, indescrivibili, per questo evocate. Una esperienza creativa sul linguaggio e sui linguaggi dell'arte e dello spettacolo (partendo da Ulysses di James Joyce); condotta insieme agli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Roma per le elaborazioni visive, testi, scenografie e costumi .

OPAW Associazione di promozione sociale Opera Aperta Workshop & TSI la Fabbrica dell'Attore Con Accademia di Belle Arti di Roma Ulysses part two, From J. Joyce Sovrapposizioni / Un Progetto sul Linguaggio monologhi/ frammenti / voci / cori / sembianze / venti / deserti / resti / città Figure da.un Apocalisse quotidiano Ideazione Coordinamento Regia Quinto Fabriziani Testi poetici originali, voci da "Ulysses" di J.Joyce; echi da "l'uomo tragico" di poeti contemporanei Scene e Costumi ideazione e realizzazione : Studenti del Corso di Scenografia

Con: Claudia Dell' Era, Benedetto Fanna, Cinzia Grande, Gianvito Ianuzzi, Giulia Lotti, Simona Verrusio, Antonia D'Amore, Marionette dell'uomo,Vittorio Pissacroia, Il Poeta Tragico,

Ludovica Sistopaoli, Video/assenze Aiuto Regia: PAOLA DE MARCO Realizzazione Luci Light Design: VALERIO GEROLDI Macchinista e Direttore di scena: ALESANDRO BRAMBILLA Proiezioni Video in collaborazione con Corso Multimedialità per i Beni Culturali: ERNANI PATERRA Postproduzione video: GIULIO BARTOLOZZI, MARIO GIORDANO Elaborazioni tecniche delle scenografie virtuali Scenografie sonore e virtuali, Ambienti, Drammaturgie del suono, Spazializzazione acustica del gesto, Partitura dello spettacolo Musiche originali: QUINTO FABRIZIANI Mix e spazializzazione 7+1 : ROB ZOLTAN TERELLE Materiale video/cinematografico: PIETRO SILVESTRI

Musiche eseguite dai Musicisti di Ned: (Paolo Sinigaglia) Marco Ariano (oggetti, e percussioni), Benedetto Fanna (violino, fisa, pf, voce), Adriano Lanzi (chitarre), Lorenzo Lustri (voce flauto), Diego Mazzoni (batteria), Luca Miti (pianoforte, fisa, voce), Alice Noris (trombone, voce), Marco Onorati (flauti), Luca Spagnoletti (elettronica), Andrea Tosi (clarinetto)Luigi Polsini (viella, oud, voce), Franca Renzini, Giovanna di Corpo (Bansuri, flauto, ottavino) Voci: Cristina Castiglione, Alessandra Orlando, Lucia Staccone Coro dei bambini della scuola di musica di Testaccio dir Tullio Visioli Registrazioni realizzate presso Saint Louis studios recording Roma

Coordinamento Scene:LORENZO LUCIANI Scenografi: ROCCO BARBARO, GIULIA LOTTI, LORENZO LUCIANI, SABRINA POSO Coordinamento Costumi: TIZIANA CONGESTRI, VALENTINA DANZI, ENZA VARONE, GIULIA LOTTI Bozzetti e Simulazioni 3D: ROCCO BARBARO, LORENZO LUCIANI Marionette e Azioni: ANTONIA D'AMORE, CATERINA STILLITANO Realizzazione scene dipinte (Laboratori fondazione Pergolesi Spontini di Jesi) : Frediano Brandetti, Quinto Fabriziani - Ideazione Bozzetti: Lorenzo Luciani - Pittori di scena: Rocco Barbaro, Giulia Lotti, Lorenzo Luciani, Sabrina Poso Valorizzare il lavoro sul riciclo: Valentina Danzi Make Up e Maschere: Eleonora Cerasari, Tiziana Congestri

BOZZETTI E REALIZZAZIONE COSTUMI: Enrichetta Bosco, Valentina Danzi, Liliyao, Andreea Stoian, Marcela Mastroianni, Caterina Stillitano, HuPing, Saori,Kato, Laura Ferrante, Liu Bei, Lorenzo Luciani, Luna Peri proto, Maryam Sorhabi Dabiri, Wu Di,Yao Qi liang Yue Zhang, Zhu Qingyuan, Qu Wen Qin, Tang Rong , Zhu Mengyu, Chen Xinyu, Yan Qiong, Cheng, Li Sichi, Lio Kun, Lu Jia Qi, Xiang, Cui, Li Xiaohui, Song Di, Jiang Tianming, Zhou Zhi Yi, Barbaro Rocco, Del Rosso Lorenzo, Eleonora Cerasari, Marco galletti, Giulia Blasi, Immacolata Sannino, Jessica Cusumano, Long Wan, Longxishui, Luo Hong, Qiao Duxing, Tiziana Congestri, Vincenzina Varone ,Wu Axian, Cui Xiang, Cai Wenjing, Chen Jianfei, Cheng Lin, Daria di Lernia, Davide Bernardini, Fan Zhuo Ran, Feng Zhonghao, Giorgia Casali, Giulia Contenta, Giulia Lotti, Han Xiang ping, Ma Chao, Jiang tian Ming , Lang Xishui, Li Meng Yue, Li Qianlei, Li Yizhen, Long Xishui, Luo Xiao Wen, Luo Xiaoxiao, Paola De Marco, Nicola Wei , Qi Wenshan, Qu Danji, Qu Wen Qin, Sabrina Poso, Shen Cong, Simone del Vecchio, Tiziana Congestri, Wang Hao Yu, Wang Ting Ting, Wang Xuehong, Wang Xun, Wei ZhengXu, CongCong,Yu Nianyi, Yu Shujian, Zeng He, Zhang Hui, Zhang Kun, Zhu Qingyuan.

Progetto in collaborazione con: Accademia Belle Arti Macerata, Accademia Belle Arti Palermo, Conservatorio S. Cecilia Roma, Scuola Popolare di Musica di Testaccio Roma, Teatro Studio Scandicci (FI), Icra Project Teatro di Napoli, Festival del Cinema "I mille occhi" Trieste (Dir. Sergio Germani), Rai 3 (Fuori Orario), Associazione Culturale " Il Libro Nero" Berlino, Uba: Universidad de Buenos Aires Argentina (Prof Willie), Masimo Canevacci (Universidade Rio De Jeneiro), Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi, Henning Brockhaus, Michele Monetta Professori Accademia Belle Arti di Roma che collaborano al Progetto: Ernani Paterra, Michèle Humbert, Massimo Di Stefano, Dario Evola, Nicola Smerilli, Bruno Liberatore, Fabrizio Crisafulli, Giuliana Stella, Francesco Zito, Paola Lo Sciuto. Si ringrazia particolarmente: Fondazione Pergolesi Spontini per la disponibilità dei Laboratori di Scenografia, Il Direttore degli Allestimenti Scenici Benito Leonori, Il pittore Frediano Brandetti per la collaborazione alla pittura dei Tappeti di scena

TIROCINIO STUDENTI ACCADEMIA BELLE ARTI DI ROMA: Lu Jia Qi, Aleksandra Czuba, Alex dello Iacono, Chang Xin, Chen Jianfei, Deng Siyu, Elpidio Ercolanese, Feng Zhonghao, Fenghuang, Gao JIian, Giulia Contenta, Giorgia Casali, Jude Armstrong, Li Lei, Qu Danji, Raffaella Antonutti, Shen Cong, Tiroc, Valeria Pantone, Wang Hao Yu, Wang Xuehong, Wangdaochen, Yu Shujian. STUDENTI VIDEOMUSIC: Alberto Gulminetti, Aleksandra Czuba,Alex dello Lacono, Christian Cerullo;Concetta Lacalamita, Elpidio Ercolanese, Feliciano, Giacomo Zaccheron, Giada Gugliotta, Gianluca Polizzi, Gianluca Ruggero, Giorgia Casali, Giulia Contenta, Ilaria Fattore, Isabella Romeo, Ivan Cacace, Jude Armstrong, Laura Carleo, Matteo Colonna, Morena Marrocco, Nico Piersanti, Pepe Stefano, Qing Ma, Raffaella Antonutti, Roberta Olivares, Zhang Kun, Yang Fan.

Prezzo: 10,00 euro posto unico Botteghino: dal martedì al venerdì dalle 9 alle 21.30 orario continuato lunedì dalle 9 alle 18,00 sabato dalle 11 alle 21,30 domenica dalle 16 alle 19 Teatro Vascello _ Via Giacinto Carini 78 _ Zona: Monteverde ROMA

articolo pubblicato il: 23/05/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it