torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

editoriale
l'uovo, i piccioni, la fava, il pollo e le fette di salame
di Teddy Martinazzi

Dai tempi di Mario Monti si giura che: “L’anno prossimo ci sarà la ripresa”, assicurazione puntualmente smentita dal trascorrere del tempo. Siccome, però, quello del mancato sviluppo economico non è solo un problema italiano, ma, sia pur in misura variegata, di gran parte dell’Europa, per migliorare la situazione si è riscoperto l’uovo di Colombo; nel calcolo del PIL saranno inseriti anche i proventi della prostituzione e dello spaccio di droga (non si sa se i rilevatori andranno in giro ad intervistare tossici con l’ago infilato al braccio e formose passeggiatrici extracomunitarie per stabilire le quote di mercato). Secondo Bruxelles con questi inserimenti risulteremo statisticamente più ricchi, quindi più felici e meno disperati.

L’ISTAT ha pensato di fare di più, calcolando d’ora in avanti le spese per la ricerca non come denaro in uscita ma come guadagno, prendendo i due classici piccioni con una fava: diminuiscono le spese ed aumenta il disastrato PIL italiano. La giustificazione sarebbe che tutto ciò che viene investito nella ricerca e nello studio è guadagno per l’avvenire. Stando a questa teoria, si potrebbe anche considerare il bilancio del MIUR, compresi gli stipendi di un esercito di docenti e non docenti, un enorme guadagno, così da contribuire all’aumento del PIL.

A questo punto, oltre alla gag della vendita della Fontana di Trevi al turista, viene in mente il concetto che della statistica aveva Petrolini, con la celebre battuta sui mangiatori di pollo. La statistica in realtà è una scienza matematica, quindi non è certo un’opinione, ma l’uso politico che se ne vuol fare lascia pensare che, a Bruxelles come a Roma, qualcuno è convinto che le fette di salame la gente invece di mangiarle se le metta sugli occhi. Verrebbe da ridere, se non fosse che l’uovo di Colombo, i due piccioni e la fava, il pollo di Petrolini e le fette di salame sono troppo spesso difficili da reperire per troppi cittadini.

articolo pubblicato il: 23/05/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it