torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Sogno di una notte di mezza sbornia"

al Teatro Sanzio di Urbino


URBINO, LUNEDÌ 19 MAGGIO SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA SBORNIA CON LUCA DE FILIPPO CONCLUDE AL TEATRO SANZIO URBINOINSCENA

Lunedì 19 maggio si chiude il sipario su Urbinoinscena 2013.2014, stagione del Teatro Sanzio promossa da Comune di Urbino Assessorato alla Cultura e AMAT con il sostegno della Regione Marche e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. A concludere la ricca proposta articolata tra prosa, danza e teatro per ragazzi è lo spettacolo Sogno di una notte di mezza sbornia con Luca De Filippo inizialmente previsto l’11 marzo e rinviato a causa di sopraggiunti problemi di salute dell’attore.

Scritta da Eduardo nel 1936, Sogno di una notte di mezza sbornia nell'interpretazione del figlio Luca diretto dalla regia di Armando Pugliese, parla di sogni, vincite al lotto, superstizioni e credenze popolari di un’umanità dolente, che solo in questo modo riesce a pensare a un futuro migliore, per sopravvivere al proprio presente.

A Pasquale Grifone, un povero facchino, piace alzare il gomito e quando beve fa sogni strani, così da ricevere la “visita” di Dante Alighieri, del quale gli era stato regalato un busto in gesso. Il Poeta suggerisce all'uomo quattro numeri da giocare al lotto, sottolineando però che essi rappresentano anche la data e l’ora della sua morte. Di lì a poco, la quaterna esce e Pasquale vince una forte somma di denaro. La famiglia si adatta prestissimo alle nuove condizioni e nessuno si preoccupa della crescente disperazione del povero Pasquale, terrorizzato dalla sua "imminente" morte; cercano anzi di convincerlo del fatto che si tratti solo di una sciocca superstizione. Il giorno annunciato però la famiglia si veste a lutto: tutti, ormai, sono convinti che quelli siano gli ultimi momenti di vita dell’uomo ma quando il pericolo sembra ormai scongiurato un colpo di scena riapre il gioco.

Utilizzando lo stile comico, a volte grottesco fino a pervenire alla farsa, Eduardo combina la forma della classica e antica tradizione teatrale napoletana. In Sogno di una notte di mezza sbornia il popolare gioco del lotto si trasforma in una scommessa tra la vita e la morte, tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti; la comunità dei familiari e degli amici, stretta intorno al protagonista e al suo dramma forse più per egoistico interesse personale che per solidarietà e sostegno, fornisce a De Filippo la possibilità di sviluppare il carattere corale e sfaccettato della sua drammaturgia. E poi con un finale a sorpresa che non si consuma mai, fra gioco dell’esistenza e gioco della scena, ancora una volta Eduardo, in modo ironico e intelligente, pungente e raffinato, ci propone un'occasione di riflessione sul nostro modo di stare al mondo.

Lo spettacolo è una produzione Elledieffe. In scena accanto a Luca De Filippo una nutrita compagnia di attori: Carolina Ros, Nicola Di Pinto, Massimo De Matteo, Giovanni Allocca, Carmen Annibale, Gianni Cannavacciuolo, Paola Fulciniti, Viola Forestiero. Le scene sono di Bruno Buonincontri, i costumi di Silvia Polidori, le musiche di Nicola Piovani e le luci di Stefano Stacchini.

Per informazioni Teatro Sanzio 0722 2281. Inizio spettacolo ore 21.

articolo pubblicato il: 17/05/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it